Gender neutral nella lingua tedesca

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

La necessità di avere una lingua inclusiva ha colto, da qualche anno a questa parte anche la Germania, come era già avvenuto in Francia e in Gran Bretagna. Quando si parla di inclusività della lingua ci si riferisce a quel processo di trasformazione che ha per protagonisti i vocaboli che vengono resi neutrali per evitare ogni forma di discriminazione di genere.

Lezioni di tedesco: i generi nel tedesco tradizionale

Come snoto, se stai seguendo le lezioni del tuo corso di tedesco, questa lingua prevede tre generi, ovvero il maschile, il femminile e il neutro. Per indicarli si usano rispettivamente tre articoli, "der", "die" e, infine, "das". Se la separazione, in grammatica, di questi tre generi è abbastanza netta e definita, nella realtà, lo è di meno. Non mancano, infatti, dei termini ai quali viene attribuito in genere neutro nonostante, nella vita reale, indichino cose o persone femminili. Questo è il caso della parola neutra "Mädchen" che indica una ragazza giovane, o della parola neutra "Fischweib" che sta a indicare una donna che di professione vende il pesce al minuto. Di contro, sino a qualche anno fa per indicare gruppi di persone accomunati da uno stato o una professione, si usava il plurale maschile, indipendentemente dal fatto che questi gruppi, fossero costituiti da uomini o donne. Succede ad esempio per gli studenti, chiamati "Schüler" al plurale maschile, anche in caso di classi miste.

Gender neutral in Germania: cosa sta cambiando

Per evitare discriminazioni di genere, in Germania - ad esempio per indicare una professione o un professionista, si usa declinarli al maschile o al femminile, come avviene nel caso eclatante di un cancelliere uomo o una cancelliera donna, definiti rispettivamente "Bundeskanzler" o "Bundeskanzlerin".

Ciò avviene anche negli annunci di offerte di lavoro dove è possibile trovare, nelle ricerche di un insegnante, l'articolo maschile di fianco al sostantivo professoressa: "Der Professorin".

La ricerca di cambiare e utilizzare sempre di più il genere neutro la si ritrova anche nelle comunicazioni ufficiali. A primeggiare in questo senso è la città di Lubecca in cui si è annunciato che in tutte le comunicazioni ufficiali cittadine si deve preferire, ove possibile, l'uso di termini che non facciano riferimento al genere. Nel caso in cui ciò non fosse possibile è necessario usare i due punti nella parola, proprio per evitare che vi siano discriminazioni di genere. Notizia di pochi giorni fa riporta inoltre che otto importanti agenzie di stampa in Germania, Austria e Svizzera -che forniscono notizie ai principali media in tutto il mondo di lingua tedesca - hanno annunciato che saranno più sensibili al tema del linguaggio discriminatorio.

Gender neutral nei dizionari tedeschi

Dopo l'annuncio avvenuto ad agosto 2020 alla Berlinale (il prestigioso festival cinematografico della capitale tedesca), in cui si è ufficializzata la volontà di non premiare più il miglior attore e la migliore attrice delle pellicole ma di premiare solo le performance da protagonista e non protagonista, quest'anno arriva un'altra novità.

Infatti, il Duden, riconosciuto come il dizionario di lingua tedesca più conosciuto e utilizzato, ha deciso che migliaia di voci di professioni non saranno più indicate nella forma al maschile, com'è stato sino ad ora. Ad essere coinvolte da questa evoluzione più "gender neutral" saranno circa 12 mila termini. In questo modo, il Duden e i suoi capi redattori cercano di uniformarsi al sentire della società evitando l'esclusione di chi non si riconosce nel genere maschile o femminile e cercando un maggior ridimensionamento del genere maschile a sostegno di quello femminile.

 

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, clicca qui e salva il contatto!

Change privacy settings