Smartphone, guida alla scoperta del mondo dei cloni

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Cosa sono? Conviene acquistarli? Ecco i suggerimenti per saperne di più e proteggersi da eventuali truffe


Gli smartphone rappresentano una vera e propria passione irresistibile per le nuove e vecchie generazioni che proprio non possono fare a meno di sfruttare le enormi potenzialità di questi dispositivi tecnologici.  E spesso la rete ci offre la possibilità di spendere poco ed entrare in possesso di smartphone cloni. Alcuni produttori cinesi, infatti, realizzano ogni volta che viene presentato uno smartphone di queste aziende più note e famose, i cloni di questi ultimi. Esiste, infatti, il clone dell’iPhone X ad esempio, come quello del Samsung Galaxy S9 e tanti altri.

Il mondo dei cloni è molto vario e ormai presenta anche prodotti di tutto rispetto. Il motivo è il successo del sistema operativo open source Android, che ha permesso la nascita e la proliferazione di produttori cinesi o taiwanesi whitelabel (come Mediatek). Questi in sostanza possono creare prodotti completi, con il sistema Android, sulla base di progetti di varie marche (al solito poco note). Il risultato è che adesso è possibile avere smartphone cinesi con marche sconosciute, non necessariamente cinesi, a prezzi più bassi rispetto ai modelli più noti, a parità (o quasi) di caratteristiche hardware. Possiamo trovarci di fronte a schermi da 4-5 pollici ad alta risoluzione(1920x1080p), processori quad core, 16 GB di memoria a prezzi del 20-30 per cento inferiori a quelli dei prodotti più noti.

I cloni sono, però, illegali, perché per le nostre norme sono equiparabili a prodotti contraffatti (come certe borse cinesi, appunto). Non possiamo quindi consigliare di comprarli, se non altro perché se la dogana li scopre ha il dovere di sequestrarli. E il cliente che li ha comprati online non li riceverà mai. I cloni inoltre solo all’apparenza - per il design - sono uguali ai prodotti che imitano, ma che di solito sono inferiori per qualità dello schermo, del software, della fotocamera o nei materiali.

Ma come proteggersi da eventuali truffe? Innanzitutto bisogna stare attenti a dove si acquista: se acquistate su siti web certificati, conosciuti o comunque molto recensiti non preoccupatevi, in quel caso è praticamente impossibile venire truffati ma la storia cambia se parliamo di siti come Ebay per esempio dove il portale non controlla realmente se il prodotto è originale o meno quindi cercate sempre di informarvi e soprattutto di utilizzare metodi di pagamento sicuri.

Per quanto riguarda i metodi di pagamento, se è la prima volta che ne sentiamo parlare del sito in questione o se siete diffidenti utilizzate metodi di pagamento tracciabili e sicuri come per esempio Paypal che in caso di problemi vi permette di aprire una contestazione. In molti casi si fa l’errore di pensare che il contrassegno sia un metodo di pagamento sicuro perché si affidano i soldi al corriere solo a merce consegnata ma in realtà non è così perché accentando il pacco ne accettate il contenuto.

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063 e invia ISCRIVIMI

 

Change privacy settings