Bambini taciturni: controlla il suo smartphone

Bambini taciturni: controlla il suo smartphone

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

REDAZIONALE/ Acquistare un’app come mSpy è una soluzione semplice e a portata di mano per avere sotto controllo il cellulare dei propri figli


Il nostro rapporto con i figli non è un rapporto facile e vi posso assicurare che qualsiasi lettura o confronto venga fatto prima della loro nascita non ci darà mai una percezione simile di quello che sarà il lavoro da fare con loro per migliorare la fiducia e avere una vera e propria complicità.

Il vero punto a cui dare importanza è coltivare un rapporto diretto, accorgendosi quando le cose non vanno come sono sempre andate. Non è certo facile avere tutto sotto controllo, specialmente per il fatto che la mattina si va al lavoro, il bambino viene mandato a scuola, casomai per il tempo prolungato, il bimbo torna a casa e studia mentre voi vi date da fare per portare avanti quelle che sono le faccende domestiche o per cucinare qualcosa per la sera.

Credo che il vero problema sia proprio quello di mettere in chiaro con i propri figli che l’assenza, durante la giornata, legata alle nostre ore di lavoro non può che essere fisiologica e normale e che, ovviamente, non bisogna mai perdere di vista quello che è il legame con i propri figli e se ci sono dei cambiamenti.

Va detto che se vediamo nostro figlio taciturno, se lo troviamo cambiato negli ultimi tempi, se non risponde alle nostre domande esplicite, se non si riesce a parlare con il nostro bambino perché lui è sfuggente, allora è bene pensare a quelle che possono essere le soluzioni. A questo punto, però, è bene pensare che si può ragionare su quali sono le soluzioni rendendoci più informati ed è anche giusto renderci più 'furbi' per capire quali possano essere i problemi dei nostri bambini, così reticenti nel parlare.

Qual è la soluzione tecnologica a cui possiamo arrivare facilmente e che ci può aiutare nello scoprire quale sia il malessere dei nostri piccoli?

mSpy, una soluzione comoda

Se nostro figlio o nostra figlia ci sembrano diversi, allora è bene pensare a quali siano le cause per cui il loro modo di comportarsi ci sembra tale. È facile che il bambino ci risulti più chiuso, più taciturno, che non abbia voglia di confidarsi come prima. Chiaro è che questo è fisiologico nel passaggio tra infanzia e adolescenza e ci saranno più porte sbattute della propria cameretta che parole, ma è bene fare qualcosa per scoprire quello che sta succedendo.

Acquistare un’app come mSpy è una soluzione semplice e a portata di mano per avere, sotto controllo il cellulare dei propri figli.

Ne avevate mai sentito parlare? Questa è un’app che si può acquistare tranquillamente e che ci permette di controllare, anche e soprattutto a distanza, lo smartphone dei nostri figli. E tra le tante funzioni che ci permette di visualizzare, si può anche controllare la cronologia dei siti e quali siano, tra tutti, i siti più visitati dal bambino.

Questo è molto importante perché proprio dando uno sguardo a quello che il bambino guarda più spesso si può capire se si trova impegnato in qualche challenge virale in cui si devono fare delle prove sempre più pericolose, se è in contatto con qualche adulto che cerca di adescarlo o di ricattarlo o se guarda siti violenti o pornografici che non sono affatto adatti alla sua età.

Come è ben facile da pensare, il fatto di avere il mondo in tasca è un’arma a doppio taglio: se da una parte c’è tutta la possibilità di comunicare con il proprio figlio, sapere dove si trovi, scrivergli sempre, chiamarlo sempre, dall’altra, però, nostro figlio ha tra le mani tutto, quindi tutto il bene della modernità ma anche tutto il male del mondo a portata di click. E se non ci sono gli strumenti di controllo adatti, ognuno può arrivare al bambino e contattarlo in modo subdolo. Non abbassiamo mai la guardia, di questi tempi non possiamo proprio permettercelo.

Oltretutto è molto più facile usare un’applicazione che ci dia estrema libertà di controllare tutto invece che costringere nostro figlio a conversazioni che non vorrebbe avere e che molto probabilmente non porterebbero a nulla.

Privacy Policy