Smartphone scarico in aeroporto? Occhio al juice jacking

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Si tratta di una tipologia di attacco informatico che consente d’iniettare sul dispositivo un malware o di carpire i dati in esso memorizzati tramite i servizi di ricarica USB pubblici. L'analisi del fenomeno a cura degli esperti di I-Forensics Team


ISERNIA. Ricaricare il proprio smartphone, in particolar modo quando si è in viaggio o fuori casa è diventata sempre più una consuetudine. L’attacco informatico denominato Juice Jacking consiste nella possibilità, da parte di un attaccante, d’iniettare sul dispositivo un malware o di carpire i dati in esso memorizzati tramite i servizi di ricarica USB pubblici sempre più diffusi in stazioni, aeroporti o hotel.

Una caratteristica accomuna tutti gli smartphone (Android, iPhone): il cavo utilizzato per ricaricare la batteria del proprio telefonino è lo stesso che si usa per trasferire e sincronizzare i dati. È proprio questo dualismo (dati/alimentazione) può essere sfruttato come vettore per ottenere l’accesso durante un processo di ricarica. Anche se il juice jacking è una minaccia in gran parte teorica, e le probabilità che le porte di ricarica di una stazione USB possano essere compromesse con relativa facilità sono molto basse, questo non deve assolutamente fare abbassare la guardia ma, piuttosto, ogni volta che colleghiamo il nostro smartphone o tablet con un device sconosciuto dobbiamo essere consapevoli dei potenziali rischi di sicurezza. Ricordiamoci che il connettore USB in dotazione al caricabatterie di ogni cellulare non è un semplice cavo di corrente ma dispone solitamente di 4 pin, due usati per la ricarica (1, 4) e due per trasferire solo dati (2,3).

Qualora la stazione di ricarica che si sta adoperando sia realmente compromessa, esistono due possibili scenari una volta collegato il nostro dispositivo: un furto di dati o l’iniezione di malware. Gli smartphone sono dei veri propri archivi di informazioni sensibili e private e il movente che può spingere un cyber criminale ad attuare uno di questi scenari d’evento è, molto probabilmente, vendere i dati sul darkweb oppure riutilizzarli in successive campagne di phishing.

L’attacco può avvenire in modo automatizzato se lo stesso pc del chiosco, adoperato solitamente per l’elaborazione delle statistiche d’uso, è stato violato con il rilascio di applicazioni malevole per la sincronizzazione verso un altro dispositivo mobile. E questa eventualità non è per niente trascurabile se si pensa che i sistemi di queste stazioni potrebbero non essere aggiornati e a causa di vulnerabilità non risolte rappresentare essi stessi dei potenziali vettori d’infezioni.

Esistono diverse tipologie di malware che i criminali informatici potrebbero installare per questi scopi:
Il cryptominer allo scopo di sfruttare il processore di un telefono cellulare per generare criptovaluta inficiando le prestazioni delle batterie;
il ransomware allo scopo di prendere in ostaggio i dispositivi crittografandone i file per il riscatto;
lo spyware [4] allo scopo di monitorare a lungo termine ed in background conversazioni, messaggi e quant’altro;
il Trojan allo scopo di ottenere gli accessi per l’installazione di altri malware.

Come difendersi
Il principio alla base del juice jacking è sfruttare disattenzione, fretta, bisogno e scarsa consapevolezza. Va comunque notato che questa tecnica, utilizzata non solo tramite le prese elettriche USB ma anche con la compromissione degli stessi jack usb o delle connessioni HDMI (mirroring dello schermo su altro dispositivo), a fronte delle poche segnalazioni registrate, non sembra essere particolarmente diffusa anche se praticamente fattibile. Le buone regole andrebbero applicate sempre e con qualsiasi dispositivo. È ormai assodato che ogni nostro spostamento e comportamento possa essere, a vario titolo, monitorato, analizzato e usato in rete; figuriamoci allora cosa possiamo aspettarci a opera di malintenzionati, anche con l’ausilio del juice jacking.

Ecco allora alcuni consigli utili da seguire:
• evitare di caricare il telefono usando un sistema di terze parti;
• portare sempre con sé il caricabatterie in dotazione o una power bank;
• evitare di collegare a un chiosco USB il proprio smartphone anche se preventivamente bloccato o spento, perché questi tipi di accorgimenti possono funzionare solo per alcuni modelli di telefonini, soprattutto adesso che le batterie sono integrate con il device e non possono essere rimosse, lasciando di fatto il circuito USB sempre alimentato;
• considerare l’utilizzo di soluzioni di protezione hardware aggiuntive: un USB Data Blocker, adattatore USB che inibisce il traffico dati, cavi USB di sola ricarica, privi dei pin per la trasmissione dati.

I-Forensics Team

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, invia al numero 3288234063 un messaggio con scritto “ISCRIVIMI”. Ricordati di salvare il numero in rubrica! Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale

Change privacy settings