Coronavirus, arriva QuantiSiamo: l’App che facilita la vita ai cittadini

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

L’applicazione ideata da tre giovani campobassani consente agli utenti di evitare le file nei luoghi pubblici, di ricevere beni a domicilio, di avere informazioni sul proprio stato di salute in relazione al Covid e di tracciare anche i contatti in caso di contagio


CAMPOBASSO.  Un’applicazione per facilitare la vita dei cittadini al tempo di Coronavirus. È quella che hanno ideato tre giovani di Campobasso, specializzati nel mondo dell’informatica. Si chiama QuantiSiamo ed ha, per lo più, due funzioni principali: quella di evitare le code negli uffici pubblici e negli esercizi commerciali e quella di rintracciare le attività che effettuano consegne a domicilio. Ma non è tutto.

Nello specifico, tramite App, l’utente avrà la possibilità di verificare la fila e i tempi di attesa stimati nei luoghi di interesse cercati, come le banche, le poste, i supermercati, le farmacie. Se il posto scelto ha troppa fila, nessun problema: l’applicazione aiuterà l’utente a cercare nei pressi della propria posizione altri posti simili a quello desiderato.

Altra funzionalità di rilievo è la ricerca delle attività che effettuano consegne a domicilio: una iniziativa che incontra a metà strada le necessità delle attività commerciali, di continuare le proprie vendite, e quelle dei cittadini che potranno ricevere a domicilio i beni cercati, evitando così luoghi affollati.

Inoltre, c’è la funzione che aiuta il cittadino a riconoscere eventuali sintomi da coronavirus. Compilando un questionario in forma anonima, i dati verranno storicizzati in un database e verranno poi elaborati attraverso un algoritmo in grado di verificare se i sintomi descritti possono essere riconducibili ad un possibile caso di Covid. In caso affermativo, l’utente viene invitato a contattare il proprio medico di famiglia.

“Ci teniamo a sottolineare – affermano gli informatici del team - che nessun dato sensibile verrà richiesto, quindi sarà del tutto impossibile per l’applicazione risalire all’utente proprietario del dispositivo. Per il corretto funzionamento dell’applicazione, all’utente viene chiesto di attivare la funzionalità del GPS, così facendo, utilizzando l’applicazione, sarà anche possibile identificare possibili punti di contatto avvenuti tra persone asintomatiche e persone sane, conoscendo il punto e l’ora esatta in cui tale contatto può essere avvenuto, avvisando ancora una volta l’utente in caso si renda consigliabile mettersi in contatto con il medico di base”.

Infine, dunque, l’App consente anche di tracciare i contatti per una indagine epidemiologica.

L’applicazione si rivolge a tutti i cittadini di ogni genere e sesso, così come è a disposizione delle autorità competenti – concludono gli ideatori - nel caso si renda necessario la mappa dei contatti.

 

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, invia ISCRIVIMI al numero 3288234063 e salvalo in rubrica!

Change privacy settings