Meraviglie della natura: il Molise si popola di rondini, balestrucci e rondoni

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Nuovo viaggio alla scoperta delle peculiarità che caratterizzano il territorio


CAMPOBASSO/ ISERNIA L’inizio della bella stagione e in particolare della primavera è segnata dall’arrivo di alcune specie di uccelli che vengono nel nostro territorio per nidificare. Tra questi i più visibili e riconoscibili sono le rondini che sorvolano le nostre città e le campagne limitrofe. Spesso, per chi non è addentrato nella materia, queste tre specie di uccelli migratori vengono confuse. Vediamo, allora, quali sono le differenze.

La rondine (hirundo rustica) è forse l’uccello più conosciuto al mondo, infatti lo si può ritrovare dall’artico fino all’Australia. Le sue dimensioni sono di circa 17-19 cm e risultano medie rispetto al balestruccio e al rondone. Lea caratteristiche principali, per un semplice riconoscimento, sono la coda lunga e profondamente biforcuta, le ali lunghe, curve e aguzze, il piccolo becco diritto di color grigio scuro e il piumaggio di colore blu metallizzato - nero con la parte ventrale di colore bianco pallido e la gola e la fronte rossiccia-bruna.

BalestruccioLe rondini sono monogame, infatti, le coppie si formano ogni primavera e alcune di loro restano fedeli per molti anni ancora. La si incrocia più frequentemente in campagna dove plana sui campi coltivati alla ricerca di insetti, che cattura in volo grazie anche alla conformazione del becco corto e largo. Nidifica spesso nei centri storici dei paesi molisani, all’interno di edifici dove costruisce il nido a forma di coppa, fatto di fango e materiale vegetale.
Prima di ripartire verso il Sud Africa, intorno al mese di settembre, è facile vedere le rondini posate in gran numero sui fili della luce.

Il balestruccio (Delichon urbicum) è il più piccolo tra la rondine e il rondone e lo si vede volteggiare in gruppi numerosi sui cieli delle nostre città o nei pressi dei viadotti delle superstrade. Arriva in Italia per il periodo della nidificazione in primavera e vi rimane fino a ottobre quando riparte per raggiungere i territori di svernamento in Africa oltre il deserto del Sahara, fino anche a Città del Capo.



Le sue dimensioni sono di circa 13-14 cm di lunghezza con un’apertura alare di 28-30 cm. Una caratteristica distintiva è il colore, in quanto presenta le parti superiori del corpo blu metallizzato-nere accese e brillanti e le parti inferiori di un bianco latte. Facilmente visibili sono i nidi di forma sferica, con l’estremità superiore aperta e costruiti sotto cornicioni, tetti, grondaie e ponti. Come le rondini amano cacciare in volo gli insetti compiendo delle virate perfette e ragiungendo velocità di 30-40 Km/h.

rondoneIl rondone (Apus apus) è il più grande dei tre uccelli e può raggiungere dimensioni di circa 20 cm e un’apertura alare di 38-44 cm. Lo si trova in quasi tutte le regioni d’Europa, Asia e Africa mediterranea, dove in primavera nidifica, per poi migrare e svernare al caldo dell’Africa sud-sahariana o dell’Asia meridionale.
Le caratteristiche che lo contraddistinguono dal balestruccio e dalla rondine è il piumaggio marrone scuro (da lontano sembra tutto nero), ad eccezione della gola biancastra, la coda corta e le ali falciformi. Rispetto alle alte due specie è la prima ad abbandonare i nidi e a ripartire già dal mese di luglio. È una specie gregaria e lo si vede facilmente sulle nostre città o paesi mentre esegue picchiate e voli veloci, inseguendosi chiassosamente.

Una particolarità di questa specie è che non si posa mai a terra per via delle zampe cortissime e quindi mangia, beve, si riproduce e dorme sempre in volo. Si ferma solo per nidificare e accudire le uova e i nidiacei nei nidi costruiti in cavità di edifici, attorno ai cornicioni e sotto le tegole di tetti.
Un’altra piccola particolarità è che raggiungono i 320 km/h e sono tra gli uccelli più veloci al mondo.

Dottore Ambientale
Alfonso Ianiro

 

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063 e invia ISCRIVIMI

 

Change privacy settings