Screening del diabete, si avvicina il Dia Day

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Il 14 novembre è la giornata mondiale del diabete, conosciamolo meglio con la rubrica del dottor Mario Angiuli della farmacia San Lazzaro di Isernia


Come già detto, il diabete è una malattia tanto grave quanto subdola perché colpisce un grande numero di persone, non solo adulte ma anche bambini e, per lungo tempo, non ci si accorge di esserne affetti perché non dà sintomi, pur provocando enormi danni.

Da qui l’importanza della prevenzione e dello screening, utili a rivelarlo con precocità in modo da limitare al massimo i danni, importanti e invalidanti, che provoca.

Questo è il motivo per cui sarà organizzata una campagna pubblicitaria massiccia nei prossimi giorni e la farmacia San Lazzaro misurerà gratuitamente la glicemia, non solo per il Dia Day ma anche nei giorni successivi, ossia per la settimana dal 14 al 20 novembre, al fine di garantire ad un più alto numero di persone la possibilità di prevenire la malattia.

 

Diabete: consigli semplici e pratici per scoprirlo e affrontarlo con serenità

Il diabete (quello classico chiamato più scientificamente diabete mellito per distinguerlo da altri tipi di diabete) è una malattia caratterizzata dall’aumento (patologico) dello zucchero (glucosio) nel sangue. La concentrazione (la quantità) dello zucchero nel sangue è detta GLICEMIA e questo valore è normale se è compreso tra i 70 e i 110 mg/dl. La glicemia viene mantenuta entro l’intervallo normale dall’azione di diversi fattori ed ormoni il più importante dei quali è l’insulina: un ormone prodotto dal pancreas (cellule beta). Il valore di glicemia non deve mai superare a digiuno i 126 mg/dl, oltre il quale viene diagnosticato il diabete. Va distinto il diabete di tipo 1, proprio delle persone più giovani, dal diabete di tipo 2, caratteristico delle persone anziane.

Diabete di tipo 1: è dovuto alla distruzione delle cellule beta del pancreas che producono l’insulina, l’ormone che controlla la glicemia nel sangue. Le persone affette da questa forma di diabete devono iniettarsi l’insulina per sopravvivere.

Diabete di tipo 2: paradossalmente le persone affette da questa malattia possono avere anche molta insulina che circola nel sangue, ma che funziona poco. Questo avviene di solito perché in questi soggetti è presente un certo grado di sovrappeso o obesità, condizioni che sono caratterizzate da un aumento del tessuto grasso, che è l’organo bersaglio dell’azione dell’insulina.

Fatte queste premesse affrontiamo, in sequenza, gli argomenti correlati al diabete che più interessano per conoscerlo meglio. L’opuscolo cartaceo, edito da Milan e redatto dal prof. Ceriello, direttore del Dipartimento di ricerca su diabete e malattie cardiovascolari dell’Università di Barcellona, può essere ritirato gratuitamente in farmacia.

  • Stile di vita e sovrappeso
  • Complicanze
  • L’importanza di diagnosticarlo e seguire la terapia
  • Attività fisica ed alimentazione: consigli pratici

Sovrappeso, stile di vita e diabete: In presenza di un aumento del tessuto grasso occorre sempre più insulina per mantenere la glicemia; a lungo andare il sistema non è più efficiente e quindi compare l’iperglicemia. Questo meccanismo spiega perché l’aumento di peso è un fattore importantissimo nel favorire la comparsa del diabete e ci fa capire perché oggi la presenza del diabete sia in rapido aumento in tutto il mondo. Infatti si è assistito nel corso degli ultimi decenni ad un profondo cambiamento dello stile di vita, con aumento della sedentarietà e l’adozione di diete ipercaloriche, fattori che favoriscono l’aumento di peso e dunque, il diabete. Non sorprende quindi che oggi di fronte all’aumento dell’obesità infantile si assista alla comparsa di diabete di tipo 2 anche nei giovanissimi e questo costituisce un’emergenza mondiale.

Alla luce di queste evidenze è chiaro che la migliore strategia per evitare la comparsa del diabete sia adottare uno stile di vita equilibrato, che consiste nello svolgere un’attività fisica regolare (basta mezz’ora di passeggiata giornaliera) ed osservare una dieta a basso contenuto calorico. Inoltre recenti studi hanno dimostrato che una dieta di tipo mediterraneo, vale a dire ricca di frutta e verdura, può di per se contribuire a prevenire il diabete.

Diabete e complicanze: Il diabete è una malattia subdola perché le persone che nel sono affette soffrono per le sue complicanze, non per la malattia in sé. Il vero pericolo legato al diabete è costituito dalla comparsa delle sue complicanze che sono di vario tipo ed anche molto gravi. I soggetti con diabete possono diventare ciechi, per danni alla retina, avere bisogno di dialisi, per danni al rene, soffrire di dolori a riposo e impotenza, per danni al sistema nervoso, sono più predisposti all’infarto, ictus e possono andare incontro ad amputazioni. Inoltre, le persone con diabete, soprattutto se non ben controllate, possono essere facilmente affette da infezioni.

Nel prossimo articolo gli ulteriori argomenti che ci consentiranno di capire perché bisogna misurare non solo la glicemia ma anche l’intera scheda di prevenzione (misurazione del peso, altezza, indice di massa corporea ,circonferenza vita etc.) che effettueremo ,sempre gratuitamente ,in farmacia per definire con attendibilità e rigore scientifico il profilo di rischio di  ciascun individuo e la sua predisposizione a sviluppare il diabete.

Per ogni informazione e prenotazione rivolgersi alle dottoresse della farmacia, nei seguenti orari: dalle 8.10 alle 13.30 e dalle 15.10 alle 20.30 tutti i giorni, sabato compreso

Dott. Mario Angiuli 

Farmacia San Lazzaro via Tedeschi 39/43 86170 Isernia

0865/299310 mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Change privacy settings