TURZOTIME0082

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Ha detto Cacciavillani che se i Comuni non faticano per il progetto dell'Alto e Medio Sannio si portano sulla coscienza lo spopolamento di quelle aree.
Ha detto che vuole fare un hub dei trasporti con le navette il car sharing e mobilità a basso impatto ambientale.
Cioè ci vuole far andare con la bicicletta, con la navetta come a quella che ci portava all'Argentina a puzzarci di fame e con il car trainato dal mulo di Mario Sciarretta che noi mo già lo chiamiamo Mario Sharringhetta.
Ruzzone ha letto la notizia e ha fatto un discorso di un'ora e mezzo che ha fatto calare la uallera a tutti gli avventori della cantina Iammacone. Non per le cose che ha detto ma perché quelle cose le sappiamo tutti.
Ha detto innanzitutto che Cacciavillani non ha pensato che i Comuni non tengono una coscienza perché sono fatti di carte e di uffici anagrafe e quindi non si portano pesi sulla coscienza.
Poi ha detto che Cacciavillani si è dimenticato di dire che lo spopolamento non dipende dall'approvazione di un progetto ma da come hanno fatto fallire l'Ittierre e dall'impegno che mettono nel trovare dove sono finiti i soldi pubblici dati quando già si sapeva come andava a finire.
Si è dimenticato di dire che quando mancano mille stipendi e nessuno ci dice perché è difficile che uno poi riesce a credere che lo spopolamento si risolve collegando la Fresilia alla fondovalle Verrino.
E poi, Cacciavillani ha usato due parole che usa sempre Danilo Leva: ‘coeso’ e ‘condiviso’.
E a noi, quando sentiamo quelle parole, ci viene un hub al fegato che manco Neuromed c' po'.

Change privacy settings