I 10 viaggi in treno più belli d'Italia

I 10 viaggi in treno più belli d'Italia

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Se siete amanti della lentezza, con lo sguardo perso tra i paesaggi che cambiano, non potete perdervi la nostra selezione alla scoperta di angoli di paradiso e del vulcano più alto d’Europa


La linea Bari-Altamura-Matera (Puglia-Basilicata)
Partenza prevista dalla vivace Bari, il treno sfiora i confini del Parco Nazionale dell’Alta Murgia i pascoli, i boschi e le colline sinuose da cui ammirare l’ambiente circostante e la fioritura delle orchidee selvatiche in primavera. Una zona poco conosciuta tra la Puglia e la Basilicata, dove invece visitare Matera, la Città dei Sassi, nominata Capitale Europea della Cultura nel 2019.

La linea Sulmona – Isernia (Abruzzo-Molise)
Chiamata la “Transiberiana d’Italia”, il treno vi porterà in viaggio sulla Sulmona-Isernia, fino a 1260 m di altezza sul livello del mare, tra i paesaggi del Parco Nazionale della Majella e quelli dell’Alto Molise. Oltre ai treni regionali che da Sulmona, passando per Castel Di Sangro vi porteranno fino a Isernia, non perdete l’occasione di viaggiare sui treni storici in legno che, dalla primavera all’autunno, faranno tappa nei borghi storici per visite e altre piacevoli attività come il trekking e le degustazioni.

La linea Genova–Casella (Liguria)
Dalle acque del Mediterraneo fino al verde profumato degli ulivi dell’entroterra ligure. Dal mare ai monti in meno di un’ora, comodamente seduti sul treno della Ferrovia delle Tre Valli che collega Genova con Casella, in alta Valle Scrivia. Il treno attraversa nove piccoli centri storici e percorre ben tredici gallerie nel cuore dell’Appennino Ligure. Su richiesta, è possibile noleggiare l’intero convoglio e richiedere anche il servizio con le vetture storiche in occasione del vostro matrimonio o per una gita originale.

La linea Tirano-St Moritz (Italia-Svizzera)
Il “Trenino Rosso del Bernina” conosciuto anche come l’espresso più lento d’Europa, collega la città italiana di Tirano a quella svizzera di St Moritz, tra valichi, viadotti, vallate e laghi. In inverno, la neve che ricopre i paesaggi, in primavera l’esplosione dei colori e dei profumi. In estate le carrozze “cabrio” panoramiche, in autunno i colori accesi degli alberi. Ogni stagione è quella giusta!

La linea Saline Volterra-Cecina (Toscana)
Una vecchia linea con un grande passato, fonte di ispirazione per scrittori e poeti, ammaliati dai paesaggi che corrono lungo il finestrino del treno. La linea Volterra-Cecina è anche intrisa di memorie antiche, di Etruschi e Romani. Da marzo a maggio si viaggia su treni storici, con appuntamenti tematici per riportare alla memoria la linea ferroviaria e la sua storia.

La linea delle Terre di Siena (Toscana)
Un treno che ricorda un’antica locomotiva a vapore, quella su cui viaggiavano i nostri nonni. Il Trenonatura attraversa il territorio toscano nei dintorni di Siena e ci porta a scoprire il tartufo, l’olio novello e il vino Brunello facendo tappa nei borghi delle Crete Senesi. Dai borghi romantici ai paesaggi lunari, con qualche tappa gastronomica per gustare le numerose specialità locali.

La linea Brescia–Iseo (Lombardia)
Questa è la linea ferroviaria che da Brescia si addentra nel territorio della Franciacorta, nota in tutto il mondo per il vino Metodo Champenois, detto delle “Bollicine”, che da anni sfida il metodo classico dello champagne. Alle distese di vigneti, i cui colori variano dal verde smeraldo al bronzo, seguono le Torbiere, un paesaggio unico in Italia. Un Parco Naturale protetto, un paradiso per gli appassionati di birdwatching e con lunghi sentieri per passeggiare immersi nella natura. Il Lago d’Iseo, o Sebino, piccolo e incuneato tra le Prealpi, attende il viaggiatore per una giornata di completo relax.

La Circumetnea (Sicilia)
La Circumetnea, che porta da Catania a Riposto in poco più di 1 ora, corre attorno all’Etna, il vulcano più alto d’Europa, e si immergere tra le coltivazioni di vigneti che si arrampicano sulle pareti del vulcano. Nota anche come il “Treno dei vini dell’Etna, su questa linea ferroviaria, con un biglietto speciale acquistato in stazione o direttamente sul treno, potrete partecipare alla visita guidata sui vigneti che sorgono sul vulcano, ma anche a visite in cantina in un viaggio in treno che ha tutti i profumi e i sapori del sole della Sicilia.

La linea Trieste-Opicina (Friuli Venezia Giulia)
Un treno particolare, metà a trazione elettrica e metà con sistema funicolare, che merita di essere menzionato in questa nostra classifica dei 10 viaggi in treno più belli in Italia. Si parte da Piazza Oberdan, nel centro di Trieste, fino a Villa Opicina. Il percorso sembra prima sfiorare le case di Trieste per poi immergersi nella lussureggiante vegetazione che lascia intravedere improvvisi scorci di mare. Una breve sosta alla fermata Faro è consigliata a chi vuole fare delle fotografie del golfo di Trieste da un punto di vista privilegiato.

Trenino Renon (Trentino Alto-Adige)
6 km e 18 minuti di percorrenza su un trenino composto da carrozze d’epoca e carrozze moderne, tra i prati profumati di erbe dell’Altopiano del Renon, tra pascoli, boschi, casette di legno e il laghetto di Costalovara. Si parte da Collalbo fino al comune di Santa Maria Assunta, avventurandosi tra borghi di montagna e percorsi di trekking. Da non perdere la visita la Museo del Miele Plattner!

 

Privacy Policy