SCANDALO - Fiume Sangro, dopo la cementificazione anche una centrale idroelettrica?

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 
Castel di Sangro - La devastazione ambientale degli anni ottanta, a quanto pare, non è bastata a far desistere altri tentativi d'intervento sul fiume Sangro già martoriato dal cemento nel tratto che va da Castel di Sangro a Villa Scontrone. Adesso, incombe l'ipotesi della realizzazione di una centrale idroelettrica. Le amministrazioni comunali e le associazione dei due territori dovranno esprimersi in merito. Ecco l'autorevole opinione del sindaco di Scontrone, Ileana Schipani, presidente del Centro Italiano Riqualificazione Ambientale (Cirf). Videoservizio di Fabrizio Fusco
Change privacy settings