HomeEVIDENZAIrpef regionale al 3,33%, per il Consiglio dei ministri provvedimento legittimo: niente...

Irpef regionale al 3,33%, per il Consiglio dei ministri provvedimento legittimo: niente impugnativa

La decisione presa nella riunione di oggi del CdM. Via libera anche all’autorizzazione all’esercizio provvisorio del bilancio di previsione 2024


CAMPOBASSO. Aliquota regionale Irpef al 3,3 per cento su tutti i redditi sopra i 28mila euro, per il Consiglio dei Ministri il provvedimento è legittimo.

La decisione è stata presa nella riunione di oggi del CdM, che su proposta del ministro per gli Affari regionali e le Autonomie, Roberto Calderoli, ha deciso di non impugnare la legge della Regione Molise n.5 del 15/12/2023, recante ‘Adeguamento della disciplina dell’imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF). Modifica dell’articolo 2 della legge regionale 25 luglio 2013, n. 9 (copertura dell’anticipazione di liquidità ai sensi degli articoli 2 e 3 del decreto-legge 8 aprile 2013, n. 35, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 giugno 2013, n. 64. Variazioni al bilancio regionale per l’esercizio 2013 e al bilancio pluriennale 2013-2015)’.

Con la legge varata dalla Regione è stata fissata un’aliquota dell’addizionale regionale all’imposta sul reddito delle persone fisiche per la Regione Molise per i redditi sino a 15mila euro pari a 1,73%; per i redditi oltre 15mila euro e sino a 28mila euro pari a 1.93%; per i redditi oltre i 28mila e sino a 50mila euro pari a 3,33%; per i redditi oltre i 50mila euro pari a 3,33%.

Stessa decisione, non impugnativa, per la legge della Regione Molise n. 8 del 21/12/2023, recante ‘Autorizzazione all’esercizio provvisorio del bilancio di previsione della regione Molise per l’anno 2024’.

spot_img
spot_img
spot_img

Più letti

Carnevale delle maschere zoomorfe, si comincia: arrivati a Isernia i gruppi...

Grande festa con gli oltre 300 figuranti pronti a portare per le vie della città suoni, musiche, canti e tutta la forza delle loro...