Il rettore Luca Brunese: “Le immatricolazioni in costante aumento e la valutazione dell’Anvur certificano lo stato di salute dell’università”


CAMPOBASSO, La conferma dei corsi di studio attivati nell’anno accademico in corso, le novità dell’offerta formativa, i nuovi servizi per gli studenti e la certificazione dell’Anvur.

Il rettore dell’Università degli Studi del Molise, Luca Brunese, questa mattina, presso la sala del consiglio del rettorato, ha presentato le tante novità introdotte dell’ateneo alle porte dell’apertura della campagna immatricolazioni 2024-2025.

“L’Agenzia nazionale per la valutazione del sistema universitario e della ricerca (Anvur) ha analizzato tutti gli aspetti legati all’università e l’ateneo ha fatto una splendida figura. Il giudizio, già anticipato, che verrà ufficializzato nelle prossime settimane è molto positivo. Questa è la prova che il percorso fatto in questi anni, di qualità, di servizi, di strutturazione hanno funzionato e ci è stato riconosciuto” ha sottolineato Brunese.

“Che l’Università degli Studi del Molise funzioni come polo di attrazione dal punto di vista accademico lo dimostrano i numeri. La valutazione così positiva dell’Anvur certifica che le tante classifiche che si leggono sono sempre parziali, mentre un’ispezione su ogni singolo aspetto dell’università e il conseguimento di un risultato del genere non può fare altro che renderci davvero molto orgogliosi”.

“Nello scorso anno accademico abbiamo fatto un grande sforzo” ha commentato poi Brunese ricordando i nuovi corsi di studio attivati dall’Università degli Studi del Molise per l’anno accademico 2023-2024:

“Questi corsi sono andati tutti bene e quest’anno lavoreremo sull’assestamento di queste proposte, che hanno tutte superate il vaglio del primo anno”.

È prevista l’attivazione, per l’anno accademico 2024-2025, del corso di studio in Scienze riabilitative delle professioni sanitarie (Classe: LM/SNT2) e della scuola di specializzazione in Ortopedia e Traumatologia.

“Dal 2015-2016 abbiamo assistito ad un incremento del 25%, sino all’anno accademico 2023-2024, delle immatricolazioni”.

“Nel nuovo piano strategico lavoreremo per diventare ancora di più internazionali, rafforzare la nostra presenza sul territorio. L’obiettivo è trasformare ulteriormente l’ateneo come un luogo in cui gli studenti si sentano realmente a loro agio e possano realizzare le loro aspirazioni”.

“Previste anche nuove iniziative per gli studenti. La prima è la carta degli studenti. Manteniamo il piano trasporti e rimane la richiesta di un intervento sul trasporto degli studenti all’interno del comune di Campobasso, anche considerando l’aumentato negli anni il numero degli studenti. Altre novità il potenziamento e l’innovazione dei servizi bibliotecari e museali e il nuovo punto ristoro (mensa)”.

“Dobbiamo fare necessariamente una valutazione sui corsi di laurea delle professioni sanitarie perché da quest’anno non c’è più l’offerta formativa dell’ex Cattolica, quindi dobbiamo aumentare i nostri numeri anche in funzione di questo aspetto”.

“Infine la Regione ci ha appena comunicato la possibilità di uno stanziamento di fondi di circa sei milioni di euro per le borse di studio” ha chiosato il rettore dell’UniMol Luca Brunese.