HomeNotizieCRONACAArrestato Terror bomber. In garage una bomba e 41 candelotti: rischio strage...

Arrestato Terror bomber. In garage una bomba e 41 candelotti: rischio strage in caso di esplosione

L’operazione, coordinata dalla Procura di Larino, condotta dai poliziotti del Commissariato di Termoli e dalla Squadra mobile di Campobasso


ArrestatoCAMPOBASSO. La passione per la musica rap e la passione per gli esplosivi. Si faceva chiamare Terror bomber l’uomo di 34 anni di Termoli arrestato per detenzione di di materiale esplodente e detenzione illegale di armi, in un’operazione condotta dai poliziotti del Commissariato di Termoli e dalla Squadra mobile di Campobasso. E coordinata dalla Procura di Larino.

materialeNel garage dell’uomo all’interno di un condominio, a Termoli, gli investigatori hanno trovato una bomba carta artigianale, ma realizzata in modo professionale e 41 candelotti di tipo thunder, la cui detenzione è consentita solo ha chi ha licenza e che se fossero esplosi, è stato detto nella conferenza stampa in Questura, “avrebbero potuto procurare una strage, con morti e feriti”.

Durante la perquisizione i poliziotti hanno trovato inoltre anche 13 petardi, il tutto per un peso complessivo di circa 2.300 grammi di esplosivo. Sono state, inoltre, rinvenuti 2 mazze ferrate, 2 coltelli (rispettivamente di 23 cm e di 20 cm), 1 ‘Nunchaku’ collegato ad una catena di ferro.

L’arresto dopo il doppio atto intimidatorio, con due esplosioni, la prima il 2 giugno, la seconda nella notte tra il 4 e il 5 giugno, davanti a un garage e alla porta di ingresso di un uomo ai domiciliari per questioni di droga a Termoli, in un condominio di via delle Mimose, nel quartiere di Difesa grande. Esplosione che aveva provocato il panico tra le persone che vivono nel palazzo.

esploI dettagli sono stati forniti in una conferenza stampa in Questura. Con il questore di Campobasso Giancarlo Conticchio, il procuratore di Larino Isabella Ginefra, il dirigente della Squadra mobile di Campobasso Marco Graziano e la dirigente del commissariato di Termoli Maria Concetta Piccitto. 

Il 34enne è stato condotto nel carcere di Lanciano, su disposizione del Procuratore  di Larino. L’arresto è stato convalidato dal Gip del Tribunale frentano, che ha applicato la misura cautelare della custodia in carcere.

Insieme a Terror bomber, cantante rap che più volte aveva manifestato il suo odio per la polizia, è stato denunciato un giovane di 25 anni, nel suo caso per danneggiamento, seguito da incendio aggravato.

“Dietro tutta la vicenda c’è la droga”, è stato infatti detto in conferenza stampa, anche se l’indagine continua per verificare che al di là del possibile esecutore dell’atto intimidatorio ci possono essere possibili mandanti legati alla mala pugliese.  

“Tutto trova una motivazione nel mondo della droga – ha detto Isabella Ginefra – pericoli non ce ne sono perché i fatti riguardano i rapporti interni legati a un certo tipo di ambiente. Certo il Molise è un territorio in cui la droga gira e in quantitativi elevati e con la droga ci sono tutti i reati connessi, a partire dalle estorsioni. Poi noi siamo vicinissimi alla criminalità foggiana e ogni giorno abbiamo prove di questi interscambi non occasionali con ‘cugini’ vicini. Ma insieme alla Dda di Campobasso siamo sempre in allerta, per combattere questo fenomeno e per evitare che ci siano conseguenze a livello economico, con reimpiego di denaro e riciclaggio”.

Quindi la questione del rischio corso per la presenza di quel materiale in una zona densamente abitata. “Come hanno confermato gli artificieri, che hanno analizzato la bomba carta e i thunder – ha detto Graziano – se fosse scoppiato uno solo dei 41 candelotti, che spesso esplodono uno dietro l’altro per ‘simpatia’, come si dice in gergo tecnico, potevano esserci danni strutturali all’edificio, se non morti e feriti. Insomma il pericolo è stato tanto”.

Carmen Sepede

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti 

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, clicca qui e salva il contatto!

Più letti

‘Eva non ha mangiato la mela’, a Isernia l’evento dell’Accademia Italiana...

Il 19 aprile 2024 alle 17.45 nel foyer dell’Auditorium Unità d’Italia la presentazione del volume del professor Giovanni Ballarini ISERNIA. Sarà presentato venerdì 19 aprile...
spot_img
spot_img
spot_img