HomeOcchi PuntatiUn anno fa la morte di Juan Carrito: il ricordo dell'orso simbolo...

Un anno fa la morte di Juan Carrito: il ricordo dell’orso simbolo del Pnalm

Il giovane esemplare venne travolto e ucciso lungo la Statale 17


PESCASSEROLI. “Oggi un pensiero non poteva non andare all’orso Juan Carrito e al giorno che è stato investito”. Il Pnalm ricorda l’orso simbolo del parco travolto e ucciso il 23 gennaio del 2023, lungo la Statale 17.

“È passato un anno – si legge nella nota – Un anno orribile per chi come noi lavora per la tutela e la conservazione di questi splendidi animali e per i tanti amanti della Natura, che il 31 agosto hanno dovuto subire l’uccisione, a fucilate, anche della mamma di Juan Carrito: l’Orsa Amarena. La morte di questi due orsi così famosi ha portato il tema della coesistenza all’attenzione di tutti, aprendo anche un dibattito serrato e sempre più polarizzato su posizioni estreme, che difficilmente aiutano il confronto o la reale comprensione dei complessi meccanismi, naturali e sociali, che ne sono alla base e dove, come abbiamo sempre detto in questi anni, ricette facili quasi sempre sono sbagliate.

Dei 4 cuccioli di Amarena solo uno, J. Carrito, ha mostrato comportamenti problematici mentre degli altri 3 nessuno si è più interessato e crediamo sia stato un bene per loro, perché vivono in montagna, insieme ad altri, più o meno, 60 orsi di cui nessuno si interessa, perché le persone non li vedono mai, o quasi mai, perché non entrano nei paesi, non mangiano galline, non entrano negli orti, non hanno bisogno del nostro cibo e non “danno confidenza” agli sconosciuti: gli umani.

Un effetto della polarizzazione è stato proprio questo: si è parlato di Juan Carrito, dell’orsa Amarena e ora dei suoi due cuccioli come fossero gli unici orsi marsicani esistenti nel Parco e in Appennino, dimenticando però che con questo atteggiamento, le valutazioni degli accadimenti e le soluzioni alle problematiche create dai conflitti che generano gli orsi confidenti, sono state traslate a tutta la popolazione di orsi marsicani, anche a quelli che non hanno mai avuto interferenza con gli umani, né mai creato conflitti poiché si alimentano, si riproducono e vivono in montagna, e parliamo del 92% degli orsi marsicani. È bene ricordare che tutte le popolazioni ursine nel mondo hanno una percentuale di orsi confidenti del 2 – 8% e noi non facciamo eccezione. Anche la definizione di orso confidente è un’etichetta difficile da dare ad un orso, perché ci sono esemplari che sono stati confidenti nei primi anni della loro vita e poi non si sono visti più, tranne sporadiche apparizioni, mentre ci sono esemplari che prima sono confidenti e poi diventano condizionati dal cibo antropico, sia quello che trovano nei paesi, sia quello che gli viene appositamente fornito da noi umani e a queste “apparenti comodità” non sanno più rinunciare; a quest’ultima categoria apparteneva purtroppo J. Carrito, almeno fino a quando è stato investito.

Non sapremo mai se questo suo comportamento con l’arrivo dell’età adulta sarebbe potuto cambiare o no…. Gli orsi sono animali intelligenti – evidenzia l’ente Parco – e quindi difficili da catalogare a vita dentro griglie standardizzate. Sarebbe opportuno focalizzarsi e dialogare sui nostri comportamenti, nella condivisione dello stesso territorio, più che sui loro”.

Ma non possiamo neanche dimenticare che Carrito è morto investito sulla Strada Statale 17, a tutti gli effetti l’infrastruttura che attraversa uno dei principali corridoi ecologici di collegamento tra il Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise e il Parco Nazionale della Maiella. Dopo i lavori che il Parco e le altre Associazioni erano riusciti a fare con i fondi a disposizione, il Parco ha presentato una scheda nell’ambito del programma FSC della Regione Abruzzo, oltre 3 milioni di euro per realizzare opere finalizzate alla messa in sicurezza di un ampio tratto della statale fra Castel di Sangro e Roccaraso, ovvero quello più delicato e critico. Il Servizio Parchi e Foreste della Regione Abruzzo ha valutato positivamente la scheda che sarà trasmessa agli uffici ministeriali per l’inserimento nei progetti da finanziare.

Stiamo parlando, come capirete, di interventi strutturali di una certa portata – sottolinea infine Pnalm – sia economica, sia strutturale, che, né per competenza, né per risorse finanziarie potrebbe affrontare il Parco da solo”.

Più letti

‘Perché la vita’, tutto pronto per l’inaugurazione della mostra fotografica di...

Appuntamento sabato 9 marzo presso il Circolo Sannitico di Campobasso CAMPOBASSO. L’associazione Il Cavaliere di San Biase e Molise Foto Incontri Fotografici inaugurano sabato 9...
spot_img
spot_img
spot_img