Scuola, inizio delle lezioni rinviato nel ‘cratere’. A Campobasso riaperta la ‘Don Milani’

Scuola, inizio delle lezioni rinviato nel ‘cratere’. A Campobasso riaperta la ‘Don Milani’

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Le amministrazioni comunali di Guglionesi e Portocannone alla ricerca delle soluzioni. Classi ancora nei prefabbricati a Colletorto, a 16 anni dal terremoto del 2002


CAMPOBASSO. Scuole e sisma, inizio delle lezioni rinviato di alcuni giorni nei comuni danneggiati dal terremoto del 14 e del 16 agosto. A Guglionesi, dove il Liceo è inagile, la scuola comincerà lunedì 17 settembre, per consentire ulteriori sopralluoghi. A Portocannone è partita solo la prima elementare, spostata nei locali della scuola dell’infanzia, mentre per le altre quattro classi delle elementari si parte il 24 settembre, con tutta probabilità nei locali parrocchiali.

I ragazzi delle medie, invece, dovrebbero spostarsi a San Martino in Pensilis, in attesa della sistemazione di un’altra struttura comunale. Una soluzione non accettata dalle famiglie di Portocannone, che questa mattina, per protesta, non hanno portato i loro figli nel paese limitrofo.

Apertura della scuola regolare, invece, a Palata, dove non sono stati accertati problemi di sicurezza e dove si cercano anche soluzioni da mettere a disposizione dei comuni limitrofi, com’è stato detto nella cerimonia che si è svolta oggi, alla presenza del direttore dell’Ufficio scolastico provinciale Anna Paola Sabatini. Che poi si è spostata anche a Montecilfone e Petacciato.

Lezioni ancora nei prefabbricati, invece, a Colletorto, a 16 anni dal terremoto e in attesa del completamento delle nuove scuole, in via di realizzazione.

E dal ‘cratere’ a Campobasso, dove oggi, dopo due anni, è stata riaperta la scuola ‘Don Milani’ di via Leopardi, chiusa per consentire i lavori di consolidamento sismico e statico. Restano in via Gramsci gli alunni di Mascione, invece, in attesa della costruzione della nuova scuola, mentre i bimbi di via Crispi sono attualmente divisi tra l’istituto di via Sant’Antonio dei Lazzari e la ‘Colozza’. Entro qualche mese, come ha annunciato il sindaco Antonio Battista, dovrebbero però partire i lavori per la realizzazione dei nuovi poli scolastici cittadini. 

 

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale https://www.facebook.com/groups/522762711406350/

 

Privacy Policy