Provinciali, il centrodestra raddoppia: spunta la lista Niro-Di Baggio

Valutazione attuale: 2 / 5

Stella attivaStella attivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Isernia/Prove tecniche per il Comune, per il quale chiedono l’azzeramento della Giunta. Il sindaco, che non vuol rischiare troppo sul bilancio, pare più orientato all’allargamento, ma resta il nodo del presidente del Consiglio, teoricamente blindato da un parere ministeriale pubblicato anche sul sito del Viminale e dal quale d’Apollonio non intenderebbe prescindere. In settimana gli incontri con i singoli capigruppo


di Pasquale Bartolomeo

ISERNIA. Troppi candidati. Nonostante siano enti di secondo livello, con incarichi a costo zero, gli aspiranti consiglieri alla Provincia di Isernia per il centrodestra sembrano essee ben oltre i 10 di rito, motivo per il quale la coalizione potrebbe partecipare addirittura con due liste. Una delle quali - inedito politico fino a questo momento - vedrebbe uniti sotto lo stesso tetto esponenti politici locali dei Popolari per l’Italia di Vincenzo Niro con Forza Italia/Isernia Migliore di Roberto Di Baggio. L’altra, più tradizionale, sarebbe composta da Lega, Udc, Orgoglio Molise e Fratelli d’Italia-Insieme per il Molise.

Lunedì a mezzogiorno la chiusura delle liste, con gli amministratori locali – votano i sindaci e da consiglieri dei Comuni della provincia – chiamati al voto domenica 24 marzo.

provincia di isernia piccolaCandidature in eccesso, dunque, con conseguenti difficoltà a scartare le pedine considerate più deboli. Certo è che le rivendicazioni sul territorio sono tante: dai sindaci dei principali comuni – Isernia, Venafro, Agnone e Frosolone – che paiono intenzionati ad avanzare propri candidati di riferimento, anche ‘civici’, ai partiti e ai vari gruppi consiliari con i propri rappresentanti storici, che in questa competizione potrebbero volersi contare in prospettiva futura, fino agli uscenti che chiedono la riconferma e alle new entry che reclamano spazi. Di qui il probabile raddoppio, con il centrodestra destinato a conquistare nettamente la maggioranza del Consiglio, stando al meccanismo del voto ponderato previsto dalla legge Delrio che conferisce maggiore forza  ai comuni più grandi.

Dall’intesa fra i due assessori regionali Niro e Di Baggio, tuttavia, potrebbe derivare una diretta conseguenza politica anche sul Comune di Isernia, dove i due gruppi dei Popolari e di ‘Isernia Migliore’ contano rispettivamente 6 e 5 consiglieri eletti. Numeri che, con un obiettivo condiviso, determinerebbero nettamente l’andamento dei lavori consiliari. E che costringerebbero il sindaco Giacomo d’Apollonio a dover necessariamente seguire il consiglio del governatore Toma – includere tutti - per riannodare i fili di una coalizione spaccatasi sull’elezione del nuovo presidente del Consiglio, lo scorso 8 febbraio.

I due gruppi, infatti, non hanno alcuna rappresentanza in Giunta, circostanza ancor più grave visto che i Popolari annoverano tra le proprie file 5 esponenti su 6 (eccezion fatta per Enzo Di Luozzo, eletto nel centrosinistra) a sostegno del primo cittadino fin dalla vittoria elettorale del 2016. Dunque, potrebbero battere i pugni per poltrone di peso, con d’Apollonio che, se di azzeramento non vuol sentir parlare, sarebbe praticamente costretto ad allargare la Giunta, concedendo un assessorato a testa per Niro e Di Baggio (di cui una donna).

Gianni Fantozzi 29.10.2018Ma resta il nodo del presidente del Consiglio, unica poltrona apertamente messa in discussione da Gianni Fantozzi e sodali, che non paiono essere interessati a poltrone assessorili. Il nuovo Statuto comunale prevede un mandato a tempo per il presidente, pari a 30 mesi, scaduti nel dicembre scorso. Ma il vertice in carica, Peppino Lombardozzi, è forte di un parere ministeriale - da lui richiesto e ottenuto - che stabilisce come le modifiche dello Statuto finalizzate a limitare la durata del mandato di presidente del Consiglio entrino in vigore a partire dalla successiva consiliatura. Eppure, i Popolari ribadiscono che tale parere non è vincolante e che, sulla questione, il Consiglio è sovrano. E ne fanno anche una questione di consenso, che a loro giudizio lo ioriano Lombardozzi non avrebbe più tra le file della maggioranza di centrodestra, essendosi il gruppo di appartenenza ‘Insieme per il Molise’ assottigliato da 12 a 4 consiglieri. Motivo per il quale, a più riprese, hanno anche invitato, senza esito, Lombardozzi a rassegnare le dimissioni. Il parere del Viminale, in ogni caso, proprio oggi è stato pubblicato sul quotidiano ‘Italia Oggi’ ed è consultabile sul sito del Ministero (clicca qui per leggerlo) a dimostrazione di poter fare da esempio per altri eventuali casi analoghi in Italia.

Non a caso, il sindaco d’Apollonio tiene debitamente in considerazione tale parere, sia per mettere al riparo l’amministrazione comunale da eventuali contenziosi, sia perché il Viminale in alcuni casi svolge anche una funzione di controllo sugli enti locali. E a fare da garante per un’operazione di rimozione dell’attuale presidente non intende prestarsi, non rientrando tra le prerogative a lui attribuite dalla legge.

consiglio 8 02 19 0In attesa di eventuali nuove rivendicazioni dai Popolari, il sindaco fa sapere che la soluzione più rapida sarebbe certamente quella dell’allargamento di Giunta, che lo stesso governatore Toma aveva mostrato di gradire: due poltrone ancora da assegnare, una per Niro e una per Di Baggio. Con la Lega che, visti i recenti sviluppi a livello regionale, a Isernia resterebbe fuori dai giochi di poltrone.

“La pausa di riflessione è durata già due settimane – ha ammesso d’Apollonio – Non ho ricevuto segnali concreti per superare l’attuale momento di crisi, ma dall’inizio della prossima settimana convocherò i capigruppo per capire insieme le reali intenzioni di tutti. Non posso azzerare la Giunta, che deve lavorare sul bilancio di previsione da portare in Consiglio entro questo mese. In settimana l’esecutivo approverà lo schema di bilancio e il Dup. Ma non intendo rischiare sul bilancio: vorrei procedere con un certo margine di sicurezza – ha concluso - altrimenti non farei il bene dell’amministrazione”.

 

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale

Change privacy settings