Coronavirus, al Molise i primi 6 milioni per la cig in deroga: accesso per le aziende con più di 5 dipendenti

Coronavirus, al Molise i primi 6 milioni per la cig in deroga: accesso per le aziende con più di 5 dipendenti

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Ecco l’Accordo Quadro regionale per l’applicazione delle misure di sostegno al reddito ai lavoratori che non posso accedere ad altre misure di ammortizzatore sociale. L’annuncio dell’assessore Mazzuto. Poi altre risorse


CAMPOBASSO. Una conference-call per discutere di ammortizzatori sociali.


È quella che ha visto protagonisti ieri l’Assessore regionale al Lavoro Luigi Mazzuto, coadiuvato dalla Struttura Lavoro, le Organizzazioni Sindacali e le Parti Datoriali maggiormente rappresentative in Molise, al fine di condividere e definire lo schema di Accordo-Quadro regionale che individua gli ambiti di applicazione, i termini e le procedure per l’attuazione dell’istituto della Cassa Integrazione Guadagni in Deroga, disciplinata dalla normativa speciale contenuta dall’articolo 22 del decreto-legge n. 18 del 17 marzo 2020, al fine di fornire un adeguato strumento di sostegno al reddito ai lavoratori che, in ragione della sospensione o riduzione dell’attività aziendale a causa dell’emergenza coronavirus, non possono accedere ad altre misure di ammortizzatore sociale.

Ed ecco che, raccolte le istanze, lo schema definitivo di Accordo sarà redatto quest’oggi per essere poi sottoscritto dalle parti e reso esecutivo in tempi brevi.
L’intesa prevede che i datori di lavoro (o consulenti, commercialisti e studi professionali da loro delegati) di attività aziendali con un numero di dipendenti superiori a cinque potranno formalizzare alla Regione Molise la domanda di riconoscimento del trattamento di CIG in deroga, secondo le istruzioni operative che saranno fornite e adeguatamente pubblicizzate.
La prima trance assegnata dal Governo al Molise è di 6.207.360,00 euro , a seguito delle domande di adesione - assicura l’Assessore Mazzuto - saranno richieste al Governo, così come d’impegno con il Ministro Catalfo, le risorse necessarie per far fronte a tutte le esigenze; i fondi saranno ripartiti alle Regioni con una seconda e terza trance per poter dare risposta a tutti.

 

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale 

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, invia ISCRIVIMI al numero 3288234063 e salvalo in rubrica!

Privacy Policy