HomeSenza categoriaRegione, scatta il problema della sicurezza: manifestazioni di dissenso fuori dall’aula

Regione, scatta il problema della sicurezza: manifestazioni di dissenso fuori dall’aula

La questione sollevata dal presidente del Consiglio Salvatore Micone, dopo le contestazioni avvenute durante l’ultima seduta. Per i cittadini che vorranno assistere ai lavori procedure di identificazione


CAMPOBASSO. Consiglio regionale, scatta il problema della sicurezza. Una questione sollevata dal presidente Salvatore Micone, durante la Conferenza dei capigruppo a Palazzo D’Aimmo, dopo l’interlocuzione aperta con la Questura di Campobasso, per assicurare l’ordine pubblico in occasione delle riunioni dell’Assemblea regionale. Il riferimento è alle manifestazioni di dissenso, piuttosto animate, espresse durante le ultime riunioni del Consiglio.

“Ci stiamo confrontando con i responsabili dell’ordine pubblico locale – ha detto Micone – per trovare soluzioni idonee a consentire da un lato il pieno espletamento del sacrosanto diritto di cittadini ed associazioni di manifestare il proprio pensiero, nei pressi della massima istituzione assembleare regionale, e dall’altro di assicurare un libero e sicuro accesso a presidenti e consiglieri a Palazzo D’Aimmo, nonché a tenere regolari sedute senza interruzioni inappropriate, come accaduto in passato”.

Micone ha poi ricordato che proprio in raccordo con le forze dell’ordine, già dall’ultima riunione dell’assemblea, si è deciso di far svolgere le manifestazioni fuori dal perimetro di Palazzo D’Aimmo. Sarà inoltre rivisto, insieme all’Ufficio di Presidenza, il regolamento di accesso all’aula consiliare riservata al pubblico e ai giornalisti, garantendo ai cittadini la possibilità di seguire i lavori, dopo averne controllato l’identità, per la sicurezza dei rappresentanti istituzionali e di ogni operatore amministrativo, dell’informazione e della società civile impegnato a vario titolo e modo nella seduta consiliare.

La Conferenza dei capigruppo ha inoltre programmato il calendario dei lavori. Martedì 29 ottobre seduta all’esame delle proposte di legge già licenziate dalle Commissioni o di nuova iscrizione all’ordine del giorno, oltre a diversi atti di indirizzo (mozioni e ordini del giorno) che saranno posti all’attenzione del Consiglio.

Il 31 ottobre si terrà invece la seduta straordinaria dell’Assise in ricordo delle vittime del terremoto del 2002.

I capigruppo Andrea Greco e Michele Iorio, in raccordo con la dem Micaela Fanelli, hanno invece rilanciato il tema dell’occupazione, chiedendo la convocazione di una seduta monotematica del Consiglio regionale, sulla questione del lavoro e dell’assetto amministrativo della Regione. Sulla richiesta il presidente Micone si è detto disponibile a concordare la data con tutte le forze politiche.

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti “mi piace” al nostro gruppo ufficiale

 

Più letti

‘Eva non ha mangiato la mela’, a Isernia l’evento dell’Accademia Italiana...

Il 19 aprile 2024 alle 17.45 nel foyer dell’Auditorium Unità d’Italia la presentazione del volume del professor Giovanni Ballarini ISERNIA. Sarà presentato venerdì 19 aprile...
spot_img
spot_img
spot_img