HomeEVIDENZAPatrizia Manzo lascia il M5s. La politica del “prendersi cura” per una...

Patrizia Manzo lascia il M5s. La politica del “prendersi cura” per una candidatura al Comune di Termoli

L’annuncio fatto dalla stessa ex consigliera pentastellata. Le motivazioni di una scelta maturata già dopo le Regionali


CAMPOBASSO. Patrizia Manzo lascia il M5s. L’annuncio, dato dalla stessa ex consigliera regionale ed esponente di spicco del Movimento, secondo rumors insistenti precede la candidatura al Comune di Termoli. Con l’alleanza civica e progressista.

“Se dovessi spiegare cosa è per me un politico, racconterei la “teoria della cura” e la figura dell’artigiano che la applica – i contenuti dell’articolo pubblicato su La Fonte e poi sul suo profilo Facebool – Nel mio personale percorso, ho incontrato molti strateghi del risiko, tanti generali vendicativi che, per strada, hanno dimenticato cosa è la gratitudine, la cura, il valore della gentilezza praticata in ogni ambito. Anche nel fare politica, anche e soprattutto nelle Istituzioni. Il mio percorso politico, già. Dieci anni dentro la massima Istituzione della regione, quella che rappresenta tutti i cittadini, con il Movimento 5 Stelle. Al quale va dato atto di aver dato voce a tantissimi giovani, preparati e competenti, che si confrontavano animatamente sì, ma sui temi”.

“Ricordo ancora, con particolare emozione, le interminabili discussioni su argomenti che oggi sono entrati di prepotenza, e gioco forza, nell’agenda politica – le parole dell’ex pentastellata – Temi che sono la concretizzazione della “teoria della cura”.
Le energie rinnovabili, le azioni da porre in essere per fermare il consumo di suolo e la enorme produzione di rifiuti, la necessità di una maggiore democrazia diretta e partecipativa, l’economia circolare, l’autoproduzione dell’energia, ai tempi impensabile. Cura dei luoghi, del territorio che diventa rispetto per chi lo abita. E poi, quel concetto che oggi racchiude il senso dell’impegno, che è parte della “teoria della cura”: nessuno deve rimanere indietro. Il Movimento 5 stelle non è cambiato, è cresciuto e si è evoluto. Ma come spesso accade, con il tempo e il gradimento sempre maggiore che ha riscontrato nei cittadini, alcune volte si è trasformato in un ring dove hanno combattuto progetti diversi da quelli originari”.

“Dopo l’esperienza delle ultime elezioni regionali, ho avuto bisogno di staccare, di prendermi cura di me, di tornare ad accudire quello che mi gratifica. I fiori del giardino, le amicizie vecchie e nuove, un cambiamento che ha richiesto uno sguardo diverso ma sempre rispettoso – la spiegazione della sua scelta – In questo percorso personale, ho ritenuto doveroso presentare le mie dimissioni irrevocabili dalla dirigenza del Movimento, con la speranza che questa decisione avrebbe lasciato spazio a qualcuno pronto a dare un nuovo slancio al 5 stelle. Io non potevo, ne ero pienamente consapevole. Per le tante dinamiche subite, per lo sforzo profuso nel mantenere fede a una volontà popolare, ho dimenticato di prendermi cura di me. Così, a un certo punto, dopo aver assunto – consapevolmente e con orgoglio, e ne sono infinitamente grata – la responsabilità di settemila molisani che mi hanno indicato come la loro portavoce, sono entrata in una sorta di debito di ossigeno, ho avuto bisogno di respirare. Il mio ingresso nelle Istituzioni è avvenuto che avevo 36 anni, con una carriera professionale in crescita che ho consapevolmente accantonato per il fine ultimo del bene comune. Per quella “teoria della cura” che pratico da sempre. Ma, in questo tempo sospeso, mi sono resa conto che mi stavo prendendo cura di qualcosa che era solo mio. Quella non era la cura dell’artigiano, quella alla quale io invece mi sono sempre ispirata nei miei comportamenti personali e nell’agire politico”.

“Allora, mi sono rimboccata le maniche. L’ho fatto grazie ai nuovi compagni di viaggio che sono riusciti a coinvolgermi, che mi hanno spronato a portare avanti un progetto che avevamo già intrapreso insieme. Quel progetto è un programma, per la città che tutti amiamo. Una città di riferimento per il basso Molise e per tutti i molisani, il vero cuore pulsante della nostra regione, il motore del futuro di una terra che non ha alcuna intenzione di arrendersi. Termoli. Un programma di cura, di attenzione, di sensibilità e di dedizione. Tutti insieme, ognuno portando in dote la propria sensibilità, abbiamo iniziato a costruire un progetto di governo con i cittadini, mettendo a disposizione di tutti il lavoro costruito negli anni, con attenzione e senza aspettare la campagna elettorale… Un lavoro che sottintende il vero concetto del ‘fare politica’: avere una visione non meramente analitica ma sforzarsi il più possibile verso una sintesi, che assorba in maniera proficua le varie anime che compongono il corpo sociale. Nei fatti, significa confrontarsi anche con il territorio, le comunità e le minoranze, in maniera più concreta e meno divisiva. E ora è arrivato il tempo per chi vuole prendersi cura dell’altro nel senso più alto. Fare politica attraverso le Istituzioni che ci rappresentano. C’è un mondo fuori dai Palazzi che avverte il bisogno di una leadership della gentilezza, orientata al compito e al risultato ma vocata all’ascolto, all’attenzione, alla cura appunto. Perché prima di dire cosa bisogna fare, occorre ascoltare e rendere partecipe la comunità. Gentilezza è prendersi cura degli altri, dei luoghi in cui lavoriamo, in cui viviamo, della nostra terra e dei cittadini. Forza Termoli! Forza Molise! – ha concluso Manzo – Facciamo in modo che ognuno possa dire: questa è la mia casa, voglio prendermene cura”.

Più letti

Il Paleosuolo al Museo del Paleolitico di Isernia

Musei e luoghi di cultura in Molise aperti per il 25...

In occasione della Festa della Liberazione ingresso gratuito CAMPOBASSO-ISERNIA. Per il 25 aprile, Festa della Liberazione, e per le celebrazioni del 1 Maggio, festa dei...
spot_img
spot_img
spot_img