Lavori e code sulla Bifernina, Toma si appella all’Anas: meno semafori nel fine settimana

Lavori e code sulla Bifernina, Toma si appella all’Anas: meno semafori nel fine settimana

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Per limitare i disagi dovuti agli interventi in corso. Il governatore ha anche annunciato che scriverà al Ministero dei trasporti, per inserire la superstrada a 4 corsie tra le opere strategiche della prossima programmazione


CAMPOBASSO. Lunghe code sulla Bifernina e sulla strada delle vacanze dei molisani, il governatore del Molise Donato Toma ha invitato l’Anas a cercare dei correttivi per limitare i disagi, dovuti ai lavori in corso e alla presenza del semaforo, che allunga fino a mezz’ora il tempo di percorrenza della Campobasso-Termoli.

“Ho chiesto ad Anas di utilizzare meno i semafori e di più restringimenti, almeno durante il fine settimana”, le parole pronunciate dal presidente della Regione, nell’intervista a tutto campo rilasciata a isNews. “E’ questo un modo per ridurre i rallentamenti – ha quindi precisato – ma è chiaro che i lavori in corso debbono necessariamente effettuati in estate, quando ci sono le migliori condizioni atmosferiche”.

Toma che è poi tornato sul discorso della realizzazione della superstrada a 4 corsie che colleghi Venafro a Termoli. Opera che, ha affermato, non può far parte del pacchetto di progetti da finanziare con il Cis, il Contratto istituzionale di sviluppo del Molise, ma che per la regione è essenziale.

“Nei prossimi giorni – ha detto ancora Toma a IsNews – manderò una comunicazione al Ministero dei Trasporti, per chiedere di inserire nelle opere strategiche della prossima programmazione anche la 4 corsie o collegamento Tirreno-Adriatico. E’ questo un intervento essenziale per il Molise – ha precisato - senza strade efficienti non possiamo pensare neanche di promuovere il turismo. Ma mi rendo conto che sarà un’opera che forse vedremo tra 10-15 anni e di conseguenza non possiamo inserirla tra i progetti del Cis, che devono essere cantierabili subito”.

Nel frattempo, ha concluso il presidente, la Regione interverrà per la manutenzione e la messa in sicurezza delle strade esistenti. Per garantire le migliori condizioni di percorribilità delle principali arterie della regione. Alcune delle quali in condizioni critiche. Come gli automobilisti che le attraversano ogni giorno sanno bene. 

Carmen Sepede

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale

Privacy Policy