Coronavirus: negli Usa 4500 vittime nelle ultime 24 ore, è record. E Trump taglia i fondi all'Oms

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Il numero di decessi nelle ultime 24 ore è raddoppiato rispetto al giorno precedente, portando il totale ad oltre 33 mila vittime dall'inizio della pandemia. i contagi in tutto il Paese sono quasi 200 mila. E nel pieno delll'emergenza il presidente Trump ha accusato l’Organizzazione Mondiale della Sanità di aver tardato a dare l’allarme per la pandemia, nascondendo le responsabilità della Cina 


Il presidente Donald Trump ha sospeso temporaneamente l’erogazione di fondi statunitensi, tra i 400 e i 500 milioni di euro, in favore dell’Oms perché troppo filo-cinese.

La ritorsione era nell'aria da tempo, dopo che tra l'agenzia sanitaria collegata all'Onu e la Casa Bianca si erano moltiplicate le tensioni. Trump ha accusato l'Organizzazione Mondiale della Sanità di una gestione disastrosa della pandemia. In particolare non ha perdonato all'agenzia multilaterale di averlo attaccato quando mise un divieto sugli ingressi di viaggiatori dalla Cina. "Hanno fatto un orribile, tragico errore nella gestione della pandemia di coronavirus o forse sapevano cosa stava succedendo". Questo il commento di Donald Trump, ripreso dalle agenzie di stampa internazionali. Sarà ora un’inchiesta Usa a far luce sulla risposta dell'agenzia Onu al coronavirus.

Trump ha minacciato inoltre di creare un organismo alternativo, insieme ad altri paesi, se l’Oms non verrà riformato.

“Non è per i soldi – ha aggiunto - ma perché questa organizzazione ha sbagliato tutto nella gestione della pandemia. I suoi errori sono costate molte vite umane”, ha detto il presidente nel briefing quotidiano alla Casa Bianca.

Trump ha accusato l’Oms di  ”aver insabbiato le informazioni” e di aver sempre “protetto la Cina”.

Il senatore repubblicano Tom Cotton ha proposto addirittura di “sganciare l’economia americana da quella cinese” attraverso una legge, imponendo alle multinazionali statunitensi attive in Cina di rientrare. Cotton è uno degli interlocutori più assidui di Trump. Nella capitale, come riporta il Corriere.it, si è diffusa la convinzione che colpendo l’Oms, il presidente stia provando a dare soddisfazione al fronte anti-cinese, sempre più largo e sempre più agitato. Ma senza intaccare il rapporto al vertice con Xi Jinping.

Intanto negli Usa il virus continua a seminare vittime. Nelle ultime 24 ore le morti sono raddoppiate rispetto al giorno precedente, con un bilancio di 4.500 decessi, di cui 1941 nel solo stato di New York.  Il totale delle vittime è di 33.286 dall’inizio della pandemia mentre il numero dii persone contagiate dal Covid-19 sfiora le 200 mila unità in tutto il Paese.

E nelle ultime ore la città di Wuhan, il focolaio del Covid-19, ha rivisto a sorpresa i numeri di contagi e decessi aumentandoli, rispettivamente, di 325 unità a 50.333 e di 1.290 unità a 3.869 totali. Il quartier generale municipale impegnato nella prevenzione e controllo del virus ha spiegato in una nota, secondo i media locali, che la "revisione è conforme a leggi e regolamenti, e al principio di essere responsabili verso la storia, le persone e i defunti". La mossa è destinata a dare altro slancio alle polemiche sull'affidabilità dei dati.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale 

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti 

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, invia ISCRIVIMI al numero 3288234063 e salvalo in rubrica!

Change privacy settings