Gravina convoca il Consiglio comunale per il 1 luglio: parte il ‘toto presidente’

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

La seduta a 20 giorni dalla proclamazione degli eletti. Tra i papabili Antonio Vinciguerra e Antonio Musto, anche se spunta pure il nome di Alessandra Salvatore, del Pd. Prevista anche la convalida dell’elezione del consigliere straniero aggiunto, in aula senza diritto di voto


CAMPOBASSO. Aspettando il presidente del Consiglio. E’ toccato al sindaco, Roberto Gravina, convocare la prima seduta del nuovo Consiglio comunale di Campobasso. Maggioranza con monocolore M5s e minoranza nella quale siedono, oltre ai due candidati sindaco Antonio Battista e Maria Domenica D’Alessandro, 3 consiglieri del Pd e 7 consiglieri di centrodestra.

L’Assise civica si riunirà lunedì 1 luglio, venti giorni esatti dopo la proclamazione degli eletti, nell’ultimo giorno utile previsto dallo Statuto comunale. Il ‘toto assessori’ ormai è chiuso, Gravina ha comunicato il nome dei componenti della Giunta: Paola Felice (che è anche vice sindaco), Simone Cretella, Luca Praitano, Giuseppe Amorosa e l’esterna Giuseppina Panichella. Resta in piedi il ‘toto presidente’, per capire chi assumerà l’incarico affidato nella precedente legislatura a Michele Durante.

L’ipotesi più accreditata è che il M5s terrà per sé la carica, affidandola a uno tra i consiglieri più votati esclusi dall’esecutivo, Antonio Vinciguerra, che di consensi ne ha avuti 360, o Antonio Musto, che di preferenze ne ha raccolte 334. Sembra invece fuori dai giochi, per una questione di opportunità politica, la cugina del sindaco Margherita Gravina, che pure ha racimolato 364 voti.

L’altra ipotesi (fantapolitica?) è che l’incarico venga affidato a un esponente della minoranza di centrosinistra, che al ballottaggio si è schierata apertamente per Roberto Gravina. Il nome che circola è quello della dem Alessandra Salvatore, la più votata del gruppo con 615 preferenze. Un nome che resta in campo, secondo un’ipotesi che sembra ben più attendibile, anche per la vice presidenza.

Di certo si sa che il 1 luglio, dopo la convalida degli eletti e il giuramento del sindaco, si provvederà alla surroga dei 4 nuovi consiglieri pentastellati che entreranno in aula al posto degli assessori interni: Paolo Adamo, Anna Petrecca, Monica Scoglietti e Nicola Giannantonio.

Quindi la nomina della Commissione elettorale comunale e la convalida dell’elezione del consigliere straniero aggiunto: Louzi El Khatir, 63 anni, di origine marocchina. Rappresentante in aula, ma senza diritto di voto, delle comunità straniere residenti a Campobasso. Eletto il 26 maggio. Una novità per il capoluogo. 

Carmen Sepede

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale