Conferenza stampa (foto a sinistra) ieri mattina presso lo stabilimento di Pettoranello di Molise della Nuova Ittierre. Il patron Antonio Bianchi e il suo staff hanno illustrato i risultati aziendali del primo anno della loro gestione. Nel 2011 l’Ittierre è riuscita a garantire occupazione a 600 dipendenti, ossia 113 unità in più rispetto al piano industriale redatto alla fine dello scorso anno. Inoltre, secondo le stime redatte dall’azienda, dovrebbe essere prevista l’assunzione di altre persone nel 2012. L’Ittierre, dunque, ha ripreso a viaggiare a pieno ritmo anche perché nell’azienda tessile di Pettoranello sono arrivate licenze di primissimo piano. Qualche giorno fa, infatti, Bianchi è riuscito a chiudere un accordo  con la maison Tommy Hilfiger. Si tratta di un accordo di licenza con Ittierre per la produzione e distribuzione delle prime linee uomo e donna che debutteranno a partire dall’Autunno-Inverno 2012 e le precollezioni della Primavera-Estate 2013. In precedenza sono stati chiusi gli accordi con Pierre Balmain, Fiorucci, Karl Lagerfield, Aquascutum e non si esclude che con il nuovo anno altri prestigiosi marchi possano approdare in Molise. Alla conferenza stampa è intervenuto, insieme a molte autorità politiche, anche il Presidente della Regione Michele Iorio che si è detto molto soddisfatto per il nuovo corso dell’azienda tessile. I dati molto positivi presentati questa mattinata dal Dottor Bianchi – ha detto il Governatore Iorio – sono perfettamente in linea con il percorso che avevamo immaginato un anno fa con la Nuova Ittierre. Anzi sono addirittura migliorativi visto che il risultato occupazionale della riassunzione di 600 dipendenti, 30 in più di quanto stabilito e con un anno di anticipo rispetto alla tabella di marcia che ci si era data nel Piano Industriale, è stato conseguito nel 2011. Come pure sono salite a 6 le licenze di disponibilità dell’azienda rispetto alle 4 preventivate. È poi importante sottolineare che questi risultati positivi testimoniano che si può avere una qualità produttiva elevata con costi sostenibili in Italia e soprattutto in Molise. Le 6 licenze internazionali lo sanciscono in modo incontrovertibile”. Il Presidente Iorio ha quindi voluto ricordare l’impegno della Giunta regionale, profuso con determinazione in sede di Conferenza delle Regioni, e con il Governo nazionale, per dare un positivo epilogo alla crisi che aveva investito in modo così drammatico l’Ittierre. Un impegno- ha detto il Presidente- da cui è uscita una buona azione della Terna commissariale e un buon esito della ricerca di un imprenditore serio, su cui puntare per dare un futuro alla principale azienda tessile del Molise e al suo indotto”. Iorio ha poi evidenziato che la Regione vorrà continuare ad essere al fianco della Nuova Ittierre e sosterrà in ogni modo la possibilità della concretizzazione di un Contratto di Programma che possa coinvolgere Sviluppo Italia, il Ministero della Sviluppo Economico e in generale il Governo nazionale per attivare finanziamenti indirizzati a nuovi ed importanti investimenti che preparino una seconda fase dell’azienda. Un secondo step che consenta alla Nuova Ittierre di radicarsi ancora di più sul territorio e accrescere la sua offerta occupazionale. “Ad ogni modo – ha concluso il Presidente della Regione- noi ribadiamo l’impegno a voler seguire ogni percorso necessario affinché le 200 unità ancora in Cassa Integrazione Straordinaria non solo non vengano lasciate al loro destino, ma possano anche essere interessate da nuove iniziative produttive e quindi occupazionali”.