HomeNotizieCULTURA & SPETTACOLICampobasso, cala il sipario su 'Cinemind': quando il cinema favorisce l'integrazione

Campobasso, cala il sipario su ‘Cinemind’: quando il cinema favorisce l’integrazione

Oltre mille i ragazzi tra migranti, richiedenti asilo e rifugiati che hanno partecipato all’iniziativa


CAMPOBASSO. ‘Scarpette’ è il titolo del cortometraggio più votato dagli oltre 200 studenti che hanno affollato l’Auditorium del Palazzo Gil di Campobasso per la giornata conclusiva della seconda edizione della rassegna ‘Cinemind’. Un cortometraggio realizzato interamente dai ragazzi del Cpia Alberto Manzi di Campobasso con il supporto del regista Fausto Franchi.

La manifestazione, che in questa edizione è stata dedicata ai temi dell’inclusione e della sostenibilità, è stata portata avanti nel corso dell’anno scolastico 2022/2023 presso i plessi dei Centri di Istruzione per adulti (Cpia3) di Roma e Campobasso e ha visto la partecipazione di oltre 1.000 ragazzi tra migranti, richiedenti asilo e rifugiati.

“Un progetto che ha regalato emozioni e professionalità – ha dichiarato Valeria Ferra, dirigente scolastico del Cpia di Campobasso – che ci ha consentito di stabilire un contatto empatico con i nostri studenti, che sono per la maggioranza stranieri”.

Molto apprezzato anche il cortometraggio ‘Un due tre stella’ realizzato dagli studenti del Cpia3 di Roma, con il supporto del regista Matteo Di Liberato.

Entrambi i lavori sono il risultato dei laboratori cinematografici promossi dalla società di produzione 8Moon nell’ambito del programma nazionale cinema e immagini della scuola promosso dal ministero della Cultura e dal ministero dell’Istruzione e del Merito.

Secondo Ada Maurizio, dirigente del Cpia3 di Roma, si tratta di un progetto di alto livello “che coniuga passione e professionalità ed entra nella nostra scuola, che spesso è considerata una scuola di serie B, ma che invece rappresenta un asset determinante per il nostro Paese se non altro perché siamo l’unica istituzione scolastica che realizza percorsi di alfabetizzazione per stranieri immigrati e rifugiati, come è attualmente il caso di tanti giovani ucraini presenti nelle nostre aule”.

Tanti gli interventi delle autorità locali, tra cui il vice presidente della Regione Molise, Vincenzo Cotugno, e l’assessore alle Politiche Sociali del Comune di Campobasso, Luca Praitano, che hanno apprezzato il carattere educativo e innovativo del progetto.

L’appuntamento è per il prossimo anno per la terza edizione di ‘Cinemind’, che oltre alla partecipazione delle scuole avrà anche una sezione dedicata ai professionisti del cinema.

Più letti

‘Eva non ha mangiato la mela’, a Isernia l’evento dell’Accademia Italiana...

Il 19 aprile 2024 alle 17.45 nel foyer dell’Auditorium Unità d’Italia la presentazione del volume del professor Giovanni Ballarini ISERNIA. Sarà presentato venerdì 19 aprile...
spot_img
spot_img
spot_img