Autovelox a Macchia, le associazioni degli automobilisti esultano: “Illegittimo per la Cassazione”

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Ora c’è la richiesta per la pronta rimozione dell’apparecchio. La nota congiunta di Fiadel, Pcl, Comitato Pro-Trignina e Assotir


MACCHIA D’ISERNIA. Ritrova vigore la battaglia per la rimozione dell’autovelox lungo la SS 85, in territorio di Macchia d’Isernia.
La Cassazione avrebbe stabilito l’illegittimità dell’apparecchio, con propria sentenza. Ad annunciarlo il sindacato Fiadel, il Pcl, il Comitato Pro-Trignina e l’Assotir, in campo per la tutela degli automobilisti.

“Abbiamo sempre sostenuto che l'Autovelox installato a Macchia d'Isernia fosse illegittimo – si legge in una nota congiunta - Il Comune e la Prefettura hanno promosso appello avverso le sentenze dei Giudici di Pace che davano ragione ai multati. E, puntuale, il Tribunale di Isernia ha rigettato le istanze condannando sia la Prefettura che il Comune alle spese. Non soddisfatto, il Comune di Macchia d'Isernia ha proposto appello in Cassazione. Ebbene, è di oggi la notizia: la Corte ha dato torto all’Ente, confermando le sentenze dei giudici”.

Di qui il passo successivo della protesta: “Alla luce della decisione della Cassazione – conclude la nota congiunta - ci aspettiamo che il Prefetto di Isernia ordini al Comune di Macchia d'Isernia di smantellare quell'autovelox”.

Infine, le associazioni avvisano: “Stiamo predisponendo un documento da inviare al Ministero dell'Interno sulla grave situazione degli autovelox che persiste nella nostra provincia”.

 

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale

Change privacy settings