Neomelodico napoletano arrestato per tentata truffa: si spacciava per nipote per carpire soldi agli anziani

Neomelodico napoletano arrestato per tentata truffa: si spacciava per nipote per carpire soldi agli anziani

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Operazione della polizia di Isernia: in manette anche un complice. Fondamentale la collaborazione di una pensionata di 81 anni per sventare un raggiro da 3.500 euro


ISERNIA. “Ciao nonna, sono tuo nipote”: esordisce così al telefono un malintenzionato che, unitamente ad un complice, ha tentato di ordire una truffa ai danni di due anziani ultraottantenni di Isernia.

Ma il metodo, ormai sdoganato, ha indotto il sospetto in una delle vittime che, allertando un proprio familiare, è riuscita a sventare il raggiro. E i due, di origini napoletane, tra cui figura addirittura un cantante neomelodico molto conosciuto dalle sue parti, sono stati arrestati dagli agenti della Squadra Mobile pentra.

I dettagli dell’operazione sono stati illustrati in questura, nel corso di una conferenza stampa, durante la quale sono stati ricostruiti i contorni della vicenda.

conferenza questura 1In particolare, uno dei due truffatori ha chiamato a casa della coppia di anziani. A rispondere all’apparecchio la donna pensionata, con la quale il malfattore si è spacciato per il nipote o per un amico, chiedendo una somma in denaro pari a 3mila 500 euro al fronte della consegna di un pacco.
La signora, di 81 anni, come da accordi telefonici, si è recata in banca a prelevare i soldi da consegnare al finto corriere. Tuttavia, nel dubbio, ha pensato di avvisare anche il genero per raccontargli l’accaduto. Di qui la scoperta del tentativo di raggiro.

Il genero ha così prontamente contattato la Polizia che si è recata presso l’abitazione della coppia per cogliere sul fatto i malviventi.

Quando il truffatore ha citofonato a casa delle vittime, ha capito che l’anziana non era sola ed ha così provato a scappare, rifugiandosi nell’auto in cui il complice lo stava aspettando. Poi la fuga verso Venafro.

La vettura è stata intercettata e bloccata però lungo la Variante della SS 85 e i due individui, risultati pregiudicati, sono stati tratti in arresto per tentata truffa aggravata e condotti presso il carcere di Ponte San Leonardo a Isernia, a disposizione dell’autorità giudiziaria.

Inoltre, essendo il cantante neomelodico alla guida di un’auto senza assicurazione, peraltro senza aver mai preso la patente, è stato raggiunto anche da sanzioni amministrative per 6mila euro. Il veicolo, così come anche i telefoni cellulari utilizzati per contattare le potenziali vittime, sono stati sequestrati.

 

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale 

Privacy Policy