Libriamoci 2018, la figura di Matilde Serao raccontata da Nadia Verdile

Libriamoci 2018, la figura di Matilde Serao raccontata da Nadia Verdile Libriamoci 2018, la figura di Matilde Serao raccontata da Nadia Verdile
Watch the video

Valutazione attuale: 1 / 5

Stella attivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Il progetto per i ragazzi dell’Andrea d’Isernia, coordinato dalla professoressa Ferrante, ha visto ospite la nota scrittrice e giornalista de Il Mattino. GUARDA LA VIDEOINTERVISTA


ISERNIA. Questa mattina le classi terze della scuola secondaria di primo grado ‘Andrea d’Isernia’ hanno incontrato la giornalista e scrittrice casertana ma di origini molisane Nadia Verdile. La corrispondente de Il Mattino ha presentato la biografia, inserita nella Collana Italiane per i tipi di Maria Fazzi Editore, diretta dalla Verdile, ‘Matilde Serao ‘a signora’. Un ritratto, sapientemente redatto, con il quale ha saputo dare la giusta consistenza e la giusta forza ad un personaggio femminile come la Serao , donna volitiva e di spiccata intelligenza. Matilde Serao rappresenta l’universo femminile migliore, quello che spinto da un’acuta intelligenza e da una spiccata sensibilità riesce a dare alla sua vita i contorni di una avventurosa fatica dominata dalle gioie, dalle vittorie, dalle sconfitte, ma sempre aggrappata alla consapevolezza che l’energia positiva di cui si dispone deve essere messa al servizio dell’autodeterminazione e della volontà ferrea.

verdile1

Le pagine scorrono velocemente sugli eventi che sollecitano la curiosità del lettore, fatti personali che si intersecano con le vicende storiche nazionali dall’Italia post-unitaria, alla prima guerra mondiale e al Fascismo. Matilde è scrittrice, tra le poche ‘madri’ del giornalismo italiano moderno, ma soprattutto una donna verace, di quelle che non si perdono dietro a fronzoli, ma scelgono la libertà e l’intelligenza: perno essenziale per il suo successo nella vita sociale, professionale e personale. Nel suo alveo sociale e culturale convergeranno grandi nomi come Gabriele D’Annunzio ed Eleonora Duse, con cui intesse una profonda amicizia e una vicinanza affettiva rafforzata dalle vicende personali che tristemente le univano in campo amoroso.

Un incontro, quello di stamattina, che ha visto i ragazzi delle classi terze coordinati dalla professoressa Marilena Ferrante e da tutto il corpo docente dell’Andrea avvicinarsi con passione e interesse alla figura della Serao anche e soprattutto attraverso la lettura del libro e degli episodi della vita di questa grande donna raccolti tra le sue righe, alcune delle quali per l’occasione sono state ‘portate in vita’ dalla voce del giornalista e attore Pietro Ranieri. Gli studenti hanno potuto dialogare con l’autrice e porre le loro domande curiose sia sulla stesura dell’opera che sulla figura di cui parla: soprattutto attorno al femminismo ante litteram della Serao e sulle sue travagliate vicende amorose, degne di una fiction televisiva, si sono concentrati gli interventi di queste donne e uomini in divenire, ai quali la dottoressa Verdile ha voluto lasciare l’importante lezione che Matilde stessa ha impartito: “Studiate, coltivate le passioni, leggete, accrescete la vostra cultura: solo così sarete davvero liberi. Non fatevi mai mettere i piedi in testa”.

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale 

Change privacy settings