Sonika Poietika, nella magia di Canneto i suoni misteriosi di Marco Iacampo

Sonika Poietika, nella magia di Canneto i suoni misteriosi di Marco Iacampo

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

L’artista, che per metà è molisano, protagonista di una performance musicale nel santuario di Roccavivara. L’ingresso è gratuito. Prossimo appuntamento il primo agosto ad Agnone con ‘Poeti rock e Andrea Mirò’

CAMPOBASSO. Lo scenario è di quelli davvero suggestivi. Il santuario della Madonna di Canneto ospiterà il 31 luglio l’atteso concerto del cantautore di origine molisana, una delle figure più interessanti del panorama italiano degli ultimi anni.

Secondo appuntamento (ingresso gratuito) con ‘Sonika Poietika’, la sessione estiva di Poietika , curata da Fondazione Molise Cultura e Regione Molise - con la direzione artistica di Valentino Campo -, ideazione Teknè e la preziosa partnership di Camera di Commercio Molise, Fondazione banco di Napoli, Spinosa Costruzioni e Discover Molise.

Un cartellone di respiro nazionale incentrato sui rapporti tra parola e musica, con un occhio di riguardo alla canzone d'autore, ai legami tra rock e poesia, a figure ed eventi storici per la musica italiana e internazionale.

Marco Iacampo è una delle più interessanti e apprezzate figure della nuova musica italiana: a tre anni di distanza da ‘Flores’ (disco acclamato dalla critica tra i migliori del 2015), attinge ad una nuova tavolozza di colori esotici e tropicali e produce ‘Fructus’, l’ultimo capitolo di una trilogia dove i titoli compongono la frase tra il portoghese e il latino: “Valetudo, Flores et Fructus”.

Vale tutto, vale sempre, vale metterci il cuore, proprio come fa l'autore in ogni sua operazione. Il tour di un album musicalmente eclettico come Fructus ha toccato Parigi, Zurigo, Bruxelles, Lussemburgo e poi Genova, Milano, Bologna, Venezia e in primavera il Brasile. In Fructus il suono si è arricchito di nuovi elementi tra i quali spiccano i campionamenti e i suoni di Gui Amabis, artista e produttore brasiliano che ha lavorato a braccetto con Iacampo durante tutta la produzione del disco. Suoni misteriosi, metropolitani e naturali si mischiano solcando il confine tra la civiltà e il selvaggio, quel punto in cui la città si espande nel deserto e la foresta ruba metri quadrati al cemento. Tanto c’è la voce di Iacampo che riconduce sempre ad una dimensione familiare, ad un rifugio per l’anima.

Marco Iacampo è nato a Mestre ma le sue origini - da parte paterna - sono legate al Molise che cita talvolta nelle sue canzoni. Ha avuto un’ampia esperienza nell’underground italiano e nella scena indie-rock (Elle, Goodmorning Boy), ha scelto di cantare in italiano con l’omonimo album d’esordio (2010), nel 2012 Valetudo, con centinaia di concerti in giro per l’italia, fino al recente Fructus. Iacampo ha sempre affiancato alla sua carriera musicale una fervida produzione grafico/pittorica (tutti gli artwork dei dischi a nome Goodmorningboy e Iacampo sono realizzati direttamente da lui) e numerose sono le mostre in gallerie, affiancate alle sue performance musicali.

Prossimo appuntamento, sempre con ingresso gratuito, di Sonika Poietika è fissato per il primo agosto a Agnone (IS): Poeti rock & Andrea Mirò in concerto.

Info: http://www.poietika.it; http://www.fondazionemolisecultura.it

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale

Privacy Policy