Premiati a Isernia gli studenti vincitori di ‘CorriScuola’

Premiati a Isernia gli studenti vincitori di ‘CorriScuola’

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

La cerimonia si è tenuta a Palazzo San Francesco. Centinaia gli studenti che hanno preso parte all’evento promosso dalla Nai



ISERNIA. Un evento che è stato una vera festa dello sport. Migliaia le persone che hanno partecipato alla 13esima della ‘CorrIsernia’, la manifestazione promossa dalla Nuova Atletica Isernia, divenuto un appuntamento tradizionale e irrinunciabile non solo per gli appassionati. Tanti infatti anche gli studenti degli istituti isernini che hanno preso parte alla kermesse nell’ambito di CorriScuola’.

premiazioni corriscuola 2Questa mattina a Palazzo San Francesco si è tenuta la cerimonia di premiazione della gara, che ha visto vincitrici ex aequo la San Giovanni Bosco e la Giovanni XXIII. Agli istituti è stato consegnato un assegno da 1000 euro.  Un premio, da 300 euro, è stato assegnato poi al liceo scientifico ‘Majorana’ e l’istituto ‘Fermi-Mattei’.

A consegnare i riconoscimenti insieme al presidente della Nai Agostino Caputo, c’erano gli assessori allo Sport e all’Istruzione Antonella Matticoli e Sonia De Toma e la delegata provinciale del Coni Elisabetta Lancellotta.

“Quest’anno si è registrato un enorme successo in termini di partecipazione anche da parte degli studenti – ha sottolineato il presidente della Nai Agostino Caputo -. Sono stati circa 450 i ragazzi degli istituti isernini hanno preso parte alla manifestazione, insieme agli insegnanti e ai loro genitori.

L’edizione 2018 della CorrIsernia verrà ricordata anche per lo spazio dedicato al sociale. Quest’anno gli organizzatori hanno scommesso sul Charity program. L’incasso della gara non competitiva è stato devoluto alle associazioni che hanno presentato dei progetti. Si tratta del Temenos, con il progetto di sostegno all’Alzheimer; di ‘Una luce sul buio dell'autismo’, con il progetto di miglioramento della qualità della vita di chi è affetto da questo disturbo; e ‘Oltre la Vita Onlus’, con il progetto di completamento di un ospedale in Blanda Burundi. “Sono una settantina le donazioni effettuate – ha detto infine Caputo – e, come primo anno siamo molto soddisfatti”.

Deb.Div.

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale 

Privacy Policy