Volley, l’Europea 92 costretta alla resa in casa

Volley, l’Europea 92 costretta alla resa in casa

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Il Cerignola si afferma sulle isernine di coach Francesco Montemurro. Esordio critico ma con ampio margine di miglioramento


ISERNIA. Stecca la prima l’Europea 92 che, all’esordio, è costretta ad arrendersi in casa (nel palasport di Bojano) al forte Cerignola per 3-0. 21-25, 15-25, 25-27 i parziali per le ospiti che hanno fatto rispettare il pronostico della vigilia, essendo le pugliesi tra le compagini più accreditate del girone meridionale della serie B/1.
In ogni caso, si è trattato di una gara combattuta, soprattutto nel primo e terzo set, con un calo preoccupante, invece, nella seconda frazione di gioco. Dal punto di vista tecnico, la ricezione e la correlazione muro-difesa hanno accusato lacune importanti, con poca reattività e percentuali al di sotto delle attese, che poi hanno condizionato lo sviluppo di tutto il gioco orchestrato dalla palleggiatrice Mileno che, insieme alla centrale Vinciguerra, è stata una delle note positive dell’Europea 92.
Dunque, la squadra affidata a coach Francesco Montemurro sicuramente non è stata da bocciatura completa, ma dovrà trovare in fretta soluzioni tecniche e tattiche per rendere il gioco più continuo in modo da poter sfruttare al meglio le tante bocche di fuoco di cui dispone.

Camillo Pizzi

 

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale  

Privacy Policy