Olimpiadi, il sogno si avvera: Maria Centracchio vola a Tokyo

Valutazione attuale: 4 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella inattiva
 

La forte judoka pentra qualificata tra le 18 donne che rappresenteranno la Nazionale italiana di judo in Giappone. Si tratta della prima donna molisana ai Giochi


ISERNIA. Maria Centracchio vola alle Olimpiadi di Tokyo. La forte judoka isernina, figlia del pioniere della disciplina Bernardo Centracchio, strappa il pass per i Giochi 2021, dopo lo stop dell'anno scorso imposto dalla pandemia.

L'atleta rappresenterà Isernia e il Molise intero nella più importante competizione sportiva del mondo - in particolare nella gara della categoria -63 kg che si svolgerà il 27 luglio prossimo nella capitale giapponese - facendo battere forte il cuore degli appassionati di questo sport e di tutti i suoi corregionali, che anche a distanza faranno sentire forte il tifo per lei. E per primo, davanti alla tv, ci sarà il coach e papà Bernardo, che ci ha creduto fin dal primo istante, quando da piccola le ha insegnato a combattere, contribuendo a farle raggiungere traguardi importanti, che le hanno permesso di salire molto spesso sul gradino più alto del podio in competizioni continentali e mondiali, oltre che nazionali. Fino all'ufficialità tanto attesa che le vale l'aereo per il Giappone, e che per Bernardo, siamo sicuri, sarà stata motivo di commozione e orgoglio profondi.

Dopo anni di sacrifici, allenamenti, battaglie vinte e perse (poche) sul tatami, Maria corona il sogno e si prepara a portare in alto i colori della Nazionale italiana di judo. La notizia arriva direttamente dai mondiali di Ungheria di Budapest.

Esulta Maria, e con lei esulta Isernia e tutto il Molise. Per la prima volta nella storia, una donna rappresenterà la regione ai Giochi Olimpici, dopo che tra gli uomini il pallavolista Pasquale Gravina aveva vestito l’azzurro ad Atlanta nel 1996 e a Sydney nel 2000 (ottenendo rispettivamente un argento e un bronzo).

La pandemia, oltre a tutti i problemi extra-sportivi, stava anche facendo un brutto scherzo alla Centracchio che, nella passata stagione, prima del rinvio delle Olimpiadi, era tranquillamente tra le qualificate, mentre quest’anno, a causa di una preparazione condizionata dalle restrizioni imposte dal Covid, ha dovuto sudarsi il pass fino all’ultimo, dovendo fare i conti anche, alla fine, con qualche “giochino strano”.  Infatti, l’isernina ha dovuto vedersela anche con il “fattore campo” quest’oggi a Budapest. In lizza per un posto ai Giochi a cinque cerchi c’era anche una ungherese, atleta di casa, e nell’incontro di esordio l’arbitraggio ha fatto di tutto per evitare che l’atleta isernina potesse andare avanti nella competizione e prendere punti per la classifica.

Malgrado la sconfitta contro la serba Obradovic (molto contestata), l’incrocio degli altri risultati ha consentito comunque alla Centracchio di rientrare tra le diciotto atlete qualificate.

Da un punto di vista sportivo non è stata una bella giornata – afferma la stessa Maria Centracchio, raggiunta a Budapest grazie all’aiuto della mamma Silvia Caruso, anche lei con un passato da judoka – ma essere riuscita a conquistare la qualificazione per Tokyo cancella tutte le amarezze e sicuramente va a premiare i sacrifici fatti insieme con la mia famiglia in tutti questi anni”.

Maria, comunque, ha già avuto modo di assaporare l’aria del villaggio olimpico, avendo fatto da “sparring partner” a Rio 2016 ad Odette Giuffrida, l’azzurra che ottenne una stupenda medaglia d’argento. Ma questa volta sarà direttamente lei la protagonista sul tatami.

“Partirò con grande umiltà, ma anche con tanta voglia di far bene e di portare più in alto possibile l’Italia, oltre che, naturalmente Isernia ed il Molise”, conclude l’atleta non senza un pizzico di emozione.

Ed è auspicabile che, a questo punto, le istituzioni molisane, a partire dal Comune fino alla Regione, vogliano affidare con cerimonie ad hoc i loro vessilli a Maria Centracchio affinchè li possa portare con orgoglio nel paese del Sol Levante.

 

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, clicca qui e salva il contatto!

 

Change privacy settings