HomeSenza categoriaUniversità, dall’Ordine degli avvocati un’ancora di salvataggio

Università, dall’Ordine degli avvocati un’ancora di salvataggio

ISERNIA. Lo stanziamento in bilancio di fondi da parte della Regione Molise in favore dell’Università pentra pare non essere sembrato sufficiente ai vertici Unimol per giustificare la permanenza delle facoltà nella sede di via Mazzini; come le esigue iscrizioni non giustificano oltre il mantenimento in vita, sempre a Isernia, dei corsi di Laurea in Lettere e Beni Culturali. Tuttavia, il rettore Gianmaria Palmieri sembra aver concesso ancora tempo alle istituzioni pentre affinché trovino una soluzione al caso. Ed ecco che all’operazione ‘salvataggio’ prova a contribuire pure il Consiglio dell’Ordine degli avvocati di Isernia, il cui presidente Marciano Moscardino, in queste ore, ha contattato il sindaco di Isernia Luigi Brasiello e il presidente del Comitato pari Opportunità presso il Consiglio dell’Ordine, Sonia De Toma, per promuovere un incontro con tutti gli altri ordini professionali, volto alla ricerca di una strada comune da percorrere in ordine alla salvaguardia della sede universitaria nel centro storico di Isernia. Da indiscrezioni, sembra che gli avvocati siano intenzionati ad organizzare le loro sedute formative sempre nell’aula magna del palazzo in via Mazzini, così da contribuire, nei limiti delle loro possibilità, a coprire le spese di locazione dell’edificio vescovile. Una iniziativa per la città, e che sarà illustrata nel dettaglio giovedì mattina, alla quale fanno però da contraltare le ‘nuove’ giunte direttamente dal governo centrale e commentate con preoccupazione dalla Flc Cgil. “Il decreto legge sulla spending review, varato venerdì scorso, – denuncia il sindacato dei lavoratori della conoscenza – all’articolo 50, comma sei, in poche righe, taglia trenta milioni da subito e quarantacinque milioni dal 2015 in poi, al Fondo di finanziamento ordinario per le università italiane; fondo che dal 2008 a oggi ha perso oltre un miliardo e mezzo sugli otto a disposizione. Ed ancora, il comma sei annuncia anche nuove ‘razionalizzazioni di spesa’, senza quantificarle, sugli enti di ricerca controllati dal ministero dell’Istruzione. Questo provvedimento riguarda tutti gli enti, ad esclusione dell’Anvur, l’Agenzia di valutazione”. Una notizia destinata ad avere forti ripercussioni anche in Molise, dove l’ateneo potrebbe subire l’ennesimo duro colpo al già precario equilibrio finanziario. “Le risorse per il funzionamento ordinario passeranno, in questo modo, a distanza di poco tempo, – spiega la Flc Cgil – da quasi 700.000 euro a poco più di 200.000 euro. Il tutto con effetti negativi sull’organizzazione dei servizi, sulla didattica e sul diritto allo studio. A fronte della decisione del Governo di non rinnovare i contratti nei settori pubblici, quest’ulteriore intervento dimostra che la politica del fare va nella direzione di privare di risorse il sistema formativo nazionale e di penalizzare tutti i comparti pubblici. L’ultimo provvedimento è decisamente inaccettabile. Alle parole che non sarebbe stato toccato il sistema formativo, – ancora il sindacato – seguono fatti che vanno in tutt’altra direzione. Il presidente del Consiglio Renzi sappia che ci mobiliteremo contro la conferma di queste scelte. Si prepari a modificare il decreto, altrimenti sarà scontro con il mondo della scuola, della ricerca e dell’università”. Dalla scala nazionale, si passa sul piano regionale. La Flc Cgil torna alla carica col tema della necessità di cambiare, una volta per tutte, la legge sull’istruzione. “E’ ora che anche in Molise si apra una discussione seria sul sistema formativo – chiosa la nota – a partire da una nuova legge regionale sull’istruzione; quella in vigore è vecchia di ben 35 anni”.

AD

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale https://bit.ly/isNews_agora

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti https://t.me/isnews_it

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, clicca qui https://bit.ly/isnews_wa_iscrivimi e salva il contatto!

Più letti

Igles Corelli

I sapori del Molise sulla terrazza di Villa Dalla: lo chef...

Pietanze sublimi realizzate con prodotti delle principali realtà alimentari della regione. Organizzazione affidata alla collaborazione imprenditoriale tra 'Sintattica Servizi e Turismo' e 'Ranallo Grandi...