Autovelox a Montenero, Comitato Pro Trignina sul piede di guerra: “Nessun avviso sulla SS16”

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Il presidente dell’associazione Antonio Turdò, al fianco degli automobilisti, ammonisce Prefettura e Polizia minucipale



MONTENERO DI BISACCIA. Installato negli ultimi giorni lungo la Statale 16, al chilometro 525+410, in territorio di Montenero di Bisaccia, un autovelox, sul tratto di strada che procede in direzione sud.
A segnalare l’apparecchio il Comitato Pro Trignina, che da anni conduce una strenua battaglia contro i rilevatori elettronici di velocità, considerati solo strumenti per fare cassa. Ed ecco che, con una nota, il presidente Antonio Turdò, ne denuncia altresì la presunta illegittimità.


“In questi giorni – recita il comunicato - stanno arrivando i verbali emessi dalla locale Polizia municipale di Montenero di Bisaccia. Le proteste giunte alla nostra associazione sono molteplici e di vario genere sia perché, come testimoniato da diversi automobilisti, non era presente sulla SS 16 nessun segnale di avviso del controllo elettronico e da come ci è stato riferito nemmeno la macchina della Polizia Municipale era presente.
Vogliamo ricordare alla emerita Prefettura di Campobasso nonché la Polizia Stradale provinciale – ancora Turdò - che già in altre occasioni, persino con sopralluoghi fatti direttamente dall’ufficio di Presidenza della nostra associazione, abbiamo rilevato che l’autovelox veniva mimetizzato dentro l’auto, comportamento con evidente e profonda illegalità.
Ciò che vogliamo anche far rilevare in questo comunicato è che il controllo elettronico viene realizzato nel punto dove il limite di velocità è 50 km/h, che noi riteniamo incongruo al livello stradario ed al tasso di antropizzazione esistente e appena dopo circa 60 mt il limite passa a 70. Se non è un atteggiamento per fare cassa ditelo voi cosa è questo comportamento.


Noi invitiamo la locale PM del Comune di Montenero – conclude la nota - di attenersi alla legge ed alla direttiva Minniti e Maroni prima e di fare il servizio autovelox così come previsto dalla legge. Indichiamo agli automobilisti che passano con la pattuglia in servizio, di chiamarci e di fare in modo di certificare la profonda illegalità della postazione”.

 

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale