Coronavirus, chi viola i divieti rischia l’arresto e multe salate

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Lo prevede il decreto del Governo. Disciplinati gli spostamenti per garantire il contenimento del Covid-19


Nuove regole per disciplinare anche gli spostamenti. Sono quelle contenute nel decreto del Governo che libera le ‘zone rosse’ del Lodigiano e del Padovano e fissa nuove regole per evitare gli spostamenti.

Le riporta il Corriere della Sera. Un provvedimento che di fatto divide in due l’Italia. Per tentare di fermare la corsa del Covid-19, scattano divieti in tutta la penisola e controlli affidati alle forze dell’ordine in porti, aeroporti e stazioni, dove saranno montati i termoscanner.

Per tutti coloro che saranno fermati e forniranno una giustificazione senza riscontro scatterà la denuncia per inosservanza del provvedimento dell’autorità, l’articolo 650 del Codice penale punito con l’arresto fino a tre mesi e l’ammenda fino a 206 euro. Si è però deciso di potenziare le possibili sanzioni contro chi viola le norme prevedendo “la contestazione di delitti colposi contro la salute pubblica”. La “veridicità dell’autodichiarazione potrà essere verificata anche con successivi controlli” e la raccomandazione alle forze dell’ordine è quella di ammonire il cittadino a dire la verità, ma in caso di riscontro negativo si procederà alla cattura. Un rischio previsto anche per chi viola la quarantena.

Il decreto mira a contenere il contagio nella Regione Lombardia e nelle province di Modena, Parma, Piacenza, Reggio Emilia, Rimini, Pesaro e Urbino, Alessandria, Asti, Novara, Verbano-Cusio-Ossola, Vercelli, Padova, Treviso e Venezia. Per questo impone di “evitare ogni spostamento delle persone in entrata e uscita dai territori individuati e negli stessi territori, salvo che per gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità per motivi di salute”.

Le verifiche all’interno di Comuni e Regione saranno invece “a campione” e dunque saranno i cittadini a dover dimostrare di avere necessità a varcare il confine della ‘zona di sicurezza con un’autocertificazione. Per questo la ministra Luciana Lamorgese ha emanato la direttiva per fissare ‘percorsi canalizzati’ per i passeggeri, stabilire le regole per gli accertamenti e i criteri per chi violerà le norme.

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, invia al numero 3288234063 un messaggio con scritto “ISCRIVIMI”. Ricordati di salvare il numero in rubrica! Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale

 

Change privacy settings