Campitello, 3 partecipate e 4 milioni di debiti: la 'exit strategy' di Toma incassa solo 9 sì

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

LA PROPOSTA DELLA REGIONE MOLISE - Tra i tre soggetti esiste un legame strategico che può consentire il ricorso ad un a fusione per incorporazione utile a definire l’estinzione delle società già in liquidazione (Consortile Campitello Matese e Korai srl), con la contestuale sostituzione delle stesse con il soggetto incorporante (Funivie del Molise spa) che, secondo la Giunta regionale, potrà beneficiare di nuove sinergie e di un patrimonio più consistente.

La fusione è approvata dal Consiglio, con legge regionale ai sensi dello Statuto della Regione Molise, con soli 9 voti a favore. Non si è trattato solo di un obbligo, secondo il presidente Toma, ma anche della necessità di dare soluzioni tempestive ai contesti di crisi come, ad esempio, per eventuali insolvenze, per la conservazione del patrimonio aziendale, per la ricerca di modalità sia di risanamento dell’esposizione debitoria sia di un possibile riequilibrio della situazione finanziaria. Ma anche per una maggiore valorizzazione dalla liquidazione degli asset aziendali nonché per il risparmio derivante dalla riduzione numerica degli organi amministrativi e di controllo delle società incorporate.

toma2

Le risorse necessarie, come detto, per l’operazione sono presumibilmente stimabili in 125mila euro (ripartite in 35mila per il commissario giudiziale; 20mila per il liquidatore giudiziale; 30mila per l’advisor legale; 30mila per l’ asseveratore e 10mila per i periti). Risorse che possono essere rintracciate nel ‘fondo di riserva spese impreviste’ con la costituzione di un apposito capitolo. L’utilizzo delle somme del fondo di riserva, in questo caso specifico, avrebbero quale presupposto l’esigenza straordinaria di far fronte alla contingenza derivante dalla proposizione da parte della 'Funivie del Molise spa' del ricorso per concordato preventivo, dunque di un obbligazione derivante da provvedimenti giurisdizionali esecutivi.

LA VOTAZIONE - Dopo gli interventi in aula di quasi tutti i consiglieri di maggioranza e opposizione, la votazione avviene per appello nominale (come proposto dal presidente Di Lucente), richiesta forse derivante dalle assenze in aula e anche  a seguito della dichiarazione di voto espressa dal gruppo dei 5 Stelle che, dopo qualche minuto di sospensione richiesto da Primiani, comunicano il proprio voto contrario.

Si astengono Micaela Fanelli (Pd) e Michele Iorio. Assenti dall'aula Massimiliano Scarabeo, Nico Romagnuolo e Aida Romagnuolo.

La proposta di legge numero 45, che negli intenti del Governo regionale dovrebbe 'salvare' Campitello Matese, è approvata con 9 voti a favore, 6 contrari e due astenuti.

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale

Change privacy settings