Ex Ittierre, proteste in aula. La politica prende tempo, Consiglio monotematico entro 10 giorni

Ex Ittierre, proteste in aula. La politica prende tempo, Consiglio monotematico entro 10 giorni

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Mena Calenda prova a presentare un altro ordine del giorno, Micaela Fanelli rimarca che oggi è l’ultimo giorno utile per tentare di emendare, nuovamente, il decretone. I capigruppo ascoltano i lavoratori ma, al momento, soluzioni per il ‘rebus ammortizzatori sociali’ non sembrano esserci


CAMPOBASSO. Una storia senza fine, che travolge i destini di centinaia di persone ‘appese’ ad un filo che sta per spezzarsi. Gli ex Ittierre oggi hanno presidiato Palazzo D’Aimmo dove è in corso il Consiglio regionale. Dopo le proteste dettate dalla disperazione che ormai accompagna i lavoratori, la richiesta del consigliere Mena Calenda di iscrizione e discussione di un altro - purtroppo l’ennesimo - ordine del giorno sull’argomento, la riunione di capigruppo alla quale ha partecipato anche l’assessore Mazzuto, si è  fissato un paletto. L’argomento arriverà in Consiglio regionale, con una seduta monotematica da convocare da qui a dieci giorni.

Una data importante quella odierna: è l’ultimo giorno utile, come ha ribadito a chiare lettere il consigliere regionale del Partito Democratico Micaela Fanelli (che dal primo aprile diventerà capogruppo, come ha annunciato Vittorino Facciolla oggi in aula, ndr) per tentare di emendare il ‘decretone’ visto che, alla Camera dei Deputati, sono in seduta congiunta le Commissioni Sociale e Lavoro. Tentare, attraverso la ‘filiera istituzionale’ suggerisce la Fanelli di ripartire da lì dove si è fermato l’emendamento scritto dal Pd e proposto in Senato da Nannicini con il quale si modificava la parte dell’articolato che di fatto taglia fuori dagli ammortizzatori proprio gli ex dipendenti Ittierre. Dichiarato inammissibile, come ormai noto.

protesta ittierre

Le polemiche successive tra Movimento 5 Stelle e Partito Democratico sulla mancata copertura finanziaria, sulla necessità che sia il Governo a trovare le risorse per ‘salvare’ gli ex ittierre e la successiva specificazione dei pentastellati che rimarcano le scelte operate legittimamente dal Governo che ha investito nel reddito di cittadinanza ormai attengono alla normale dialettica politica che però ha effetti concreti sulle vite di chi, adesso, ha davvero paura del domani.

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale

 

Privacy Policy