Isernia, ‘telenovela parcheggi’: ecco come ‘risparmiare’ sul biglietto e pagare le multe

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Novità in vista sull’attivazione delle soste blu nel capoluogo pentro, in attesa di una conferenza stampa chiarificatrice della ditta che si è aggiudicata la gestione del servizio. Prevista la possibilità di applicazioni con commissioni più economiche di Easy Park e il pagamento delle contravvenzioni direttamente ai parchimetri


ISERNIA. Una vicenda che si evolve come una telenovela, puntata dopo puntata, quella delle soste blu a Isernia.

L'episodio di oggi riguarda la possibilità di usare per il pagamento dei parcheggi, oltre alla ‘salatissima’ App Easy Park, anche l’applicazione Whoosh o la TelepassPay. Soluzioni alternative più economiche, mai quanto il metodo diretto del cash.

Abbandonando definitivamente la possibilità di frazionare la sosta prima dell’ora, utilizzando Whoosh si scopre che l’importo minimo da versare è di 88 centesimi anziché 80. Il frazionamento minimo, dopo la prima ora, è di 15 minuti e per ogni incremento di un quarto d’ora scatta una commissione di 2 centesimi.

Chiaro, a questo punto, che ogni applicazione ha un suo costo seppur basso, che va a sommarsi alla tariffa base di 80 centesimi. Cifra che troppo spesso viene arrotondata per eccesso ad un euro, quando si paga con le monete, in quanto le macchinette non rilasciano resto. Ammessi solo i dieci minuti di cortesia, di cui però si può usufruire solo una vola nell’arco della giornata.

Si confida a questo punto, per chi ne è in possesso, nella pronta attivazione del pagamento con carta di credito.

Intanto, un’altra novità sarebbe all’orizzonte: ossia l’opportunità di pagare le multe direttamente ai parchimetri. Un’opzione certamente interessante, ma forse utile solo dal momento in cui i cittadini inizieranno a prendere dimestichezza con i nuovi apparecchi. Non di rado, in questi giorni, si scorgono infatti code proprio al cospetto degli indigesti parchimetri, dove la ‘difficoltà’ principale parrebbe rappresentata dall’inserimento del numero di targa.

Probabilmente, prima di dare il via al servizio, sarebbe stata utile una sorta di campagna informativa, o comunque, in assenza di una simile operazione, ci si sarebbe aspettati un servizio completo sin dal primo giorno, senza sorprese quotidiane. Tuttavia, si apprende che nei prossimi giorni ci sarà una conferenza stampa della ditta che gestisce le soste a pagamento e che, a seguire, verranno verosimilmente distribuiti alla cittadinanza dei plichi contenenti le informazioni utili.

Nonostante ciò, cresce il malcontento di una fetta di popolazione. Dopo la nascita del comitato No Strisce Blu, arriva così l’omonimo gruppo social finalizzato a diventare un luogo di confronto sulla questione, per concertare magari iniziative di protesta.

Ad ogni modo, qualche risultato dell’attivazione del servizio è già evidente. Forse complice anche il periodo estivo, Isernia ad oggi è piena di parcheggi vuoti!

 

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale  

Change privacy settings