Strisce blu, arriva la richiesta d’intervento al Ministero dell’Interno

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Le associazioni ‘Fiadel’ e ‘Caponnetto’, assieme al Pcl di Isernia, hanno richiesto l’intervento del prefetto locale inviando comunicazione anche al Viminale


ISERNIA. Un altro tassello si aggiunge alla già carica polemica verso le strisce blu a Isernia. L'associazione Fiadel, l'associazione antimafia ‘Caponnetto’ e la sezione locale del Partito Comunista dei Lavoratori comunicano di aver inoltrato al sindaco di Isernia, il 22 agosto, “diffida a revocare e/o annullare in autotutela la Delibera del Consiglio Comunale n. 14 del 29.03.2018 e tutti gli atti conseguenziali, a fronte di tutte le illegittimità dedotte, con riferimento alla istituzione degli 867 stalli a pagamento tutti concentrati in alcune zone del centro cittadino” e di aver richiesto l’intervento del prefetto Cinzia Guercio, estendendo la vertenza anche al Ministero dell’Interno. Inoltre, annunciano la loro partecipazione al sit in di protesta previsto in prefettura per lunedì 9 alle 10:30.

Nella diffida vengono in particolare argomentati: “eccesso di potere per mancanza di interesse pubblico; violazione dei parametri urbanistici e dunque della riserva dei parcheggi gratuiti nelle zone interessate; illegittimità/nullità dell'affidamento alla concessionaria poiché il capitolato è difforme alla Delibera Consiliare n. 14/2018; inesistenza del contratto eccessivo alla concessione, peraltro con mancato introito per l'erario del diritto di rogito e imposta di registro”.

Inoltre, i gruppi citati denunciano che “non essendo stata determinata la tariffa per l'anno 2019, nulla è dovuto per chi sosta negli stalli bleu. Ciò nonostante continuano ad essere attivi i parchimetri e si continuano a contravvenzionare gli utenti che sostano nei citati stalli blu”.

Ma non solo. In adempienza a quanto dichiarato, gli autori della diffida hanno chiesto al Prefetto di intervenire “affinché il Comune di Isernia rimuova le suddette illegittimità qui dedotte e meglio dettagliate nella diffida allegata”, perché “solleciti il Sindaco di Isernia a riscontrare la diffida predetta in modo dettagliato e con argomentazioni precise, atteso che a tutt'oggi non è stato ricevuto alcun riscontro” e infine “tenga in debito conto le suddette eccezioni di illegittimità al fine di accogliere gli eventuali ricorsi avverso i verbali elevati, con riferimento alle soste sugli stalli blu”.

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale

Change privacy settings