Borracce al posto delle bottiglie di plastica, gli esempi virtuosi di Castropignano e Casacalenda

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Le amministrazioni comunali hanno deciso di dare concretezza al monito sulla salvaguardia del pianeta. L’avvocato Scapillati e la ‘sindaKa’ Lallitto promuovono stili di vita ‘plasticfree’


CAMPOBASSO. L’esempio virtuoso arriva dai più piccoli. I Comuni che hanno inteso dare un segnale forte e importante e i piccoli alunni che, con il loro agire quotidiano, dimostrano che si può rispettare l’ambiente in cui si vive con gesti normali.

sindaco scapillati

Casacalenda e Castropignano, due piccoli centri i cui giovani sindaci (Sabrina Lallitto e Nicola Scapillati) hanno deliberato di dotare ogni alunno di una borraccia di alluminio per evitare l’utilizzo massiccio di plastica. Progetti che dovrebbero essere di esempio.

borraccia castropignano

A Castropignano la borraccia di alluminio sarà donata anche ai dipendenti comunali.

Il neo primo cittadino di Casacalenda, Sabrina Lallitto, ha dato anche un nome all’idea.

Si chiama “A B C…K!” ed è il modo migliore per augurare buon anno scolastico agli alunni delle elementari dell’Omnicomprensivo di Casacalenda, come spiega il primo cittadino.

“Regalare a tutti i bambini una borraccia di alluminio, piccola e pratica, da tenere agganciata allo zaino, da riempire a casa, a scuola o alle fontane pubbliche. Un dono - spiega la Lallitto, che nell’occasione si fa chiamare SindaKa - che porta in sé un triplice scopo: ridurre il consumo della plastica e l’abbandono della stessa nell’ambiente; valorizzare le risorse idriche cittadine, sicure e efficienti; tutelare la salute dei nostri bambini, incentivando al consumo dell’acqua, una buona abitudine per tutti. Un primo passo verso la realizzazione di un sogno: quello di vedere una comunità attenta, capace di prendersi cura di sé stessa e del suo territorio, pioniera di un nuovo senso civico e in grado di tutelare il proprio futuro. A, B, C sono le prime lettere dell’alfabeto ma anche l’acronimo di Acqua Bene della Comunità perché è da piccoli, dall’ABC che si impara come costruire il proprio futuro! Anche il futuro del proprio paese: la nostra K…alena!”

 

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale