Appalti sotto soglia e incarichi al Comune, Fantozzi insiste: fuori le carte

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Il consigliere dei Popolari sollecita la struttura dirigenziale di palazzo San Francesco - a sua volta già incalzata dal sindaco, ma invano -  a fornire la documentazione relativa all’elenco dei professionisti, dei consulenti e delle ditte accreditate presso l’ente. In assenza di riscontri paventa l’invio del fascicolo alle autorità


ISERNIA. La bomba nel primo Consiglio comunale dell’era Covid tenutosi nei locali dell’Auditorium di Isernia: troppi appalti sotto soglia al Comune di Isernia. A lanciarla il consigliere dei Popolari Gianni Fantozzi, il quale già da tempo ‘bussa alle porte di palazzo San Francesco’ per ottenere le carte. E oggi torna alla carica.

Il decano dell’assise civica pentra già dal dicembre del 2018 si era interessato alla questione, chiedendo formalmente a sindaco, segretario generale e dirigente “di conoscere i criteri con i quali vengono affidati gli incarichi professionali di qualunque tipo e far tenere nel più breve tempo possibile un elenco dettagliato dei professionisti e/o consulenti ai quali sono stati affidati incarichi, con corrispettivi, a far data dal 1 settembre 2018. Fantozzi chiedeva inoltre, se esistente, “un elenco dettagliato dei professionisti e/o consulenti e ditte accreditati presso il Comune”.

Istanza con carattere d’urgenza, datata 7 dicembre 2018, cui fece seguito una nota del 9 gennaio 2019 da parte del sindaco d’Apollonio, con la quale lo stesso invitava il dirigente del Terzo settore a fornire al consigliere le informazioni richieste.

Ma tutto è caduto nel vuoto. Almeno fino ad oggi, con Fantozzi che torna a sollecitare la struttura dell’ente a fornire le informazioni desiderate, non senza stilettate e non senza paventare azioni di natura legale.
“Ad oggi ancora non ho ricevuto alcuna risposta – afferma l’esponente dei Popolari – cosa gravissima di per sé, ma ancor più grave è che neanche la sollecitazione del sindaco ha sortito effetti, dimostrazione questa che la cosiddetta ‘gesione’ opera in assoluta indipendenza e non vuole controlli. Quindi sollecito una risposta precisa, puntuale per iscritto in tempi brevissimi – conclude – trascorsi i quali senza alcun riscontro sarò costretto ad inviare il fascicolo alle autorità competenti”. L’avviso è lanciato.

 

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale 

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, clicca qui e salva il contatto!

Change privacy settings