“Politica e pubblica amministrazione, occorre meritocrazia”

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 
[caption id="attachment_8250" align="alignleft" width="160"] Il consigliere regionale Idv Cosmo Tedeschi[/caption]

“Basta con gli scandali e le spese folli legate agli ultimi periodi di questa Seconda Repubblica, sì alla meritocrazia e a una nuova classe politica in grado di guidare l’Italia verso la Terza Repubblica”. È l’obiettivo di Cosmo Tedeschi, capogruppo dell’Italia dei Valori in Consiglio regionale, che precisa: “Un intento, quello di cambiare il volto della gestione della cosa pubblica, che si basa su un unico concetto chiave. Ovvero la meritocrazia”. Non si può, commenta Tedeschi, continuare con un sistema che garantisce a tutti le stesse risorse e gli stessi mezzi, a prescindere dalle azioni promosse e dai risultati effettivamente ottenuti. Anche per quel che riguarda le pubbliche amministrazioni e i partiti politici è necessario cambiare sistema, e puntare solo sui meriti. In tal modo, saranno premiate ed incentivate le amministrazioni che dimostreranno di ottenere risultati concreti mentre, per quelle caratterizzate da inefficienza, sprechi e scarsa produttività occorrerà introdurre delle penalità, anche direttamente a carico degli amministratori o dei dirigenti responsabili. Solo in questo modo si potrà voltare pagina con i fatti e non semplicemente a parole. Un Comune che non riesce a garantire i servizi ai propri cittadini o un ente pubblico che non è in grado di gestire produttivamente i fondi in suo possesso o, ancora peggio, un organo legislativo o costituzionale che si renda responsabile di uno sperpero di denaro, deve andare incontro a sanzioni. Siano esse delle restrizioni amministrative o una perdita di autonomia che possa anche condurre, nei casi più gravi, ad un commissariamento d’ufficio”. L’Italia, sottolinea il consigliere, “deve ripartire. Con i sacrifici chiesti agli italiani sono state realizzate le fondamenta di un sistema che, ora, deve essere portato avanti in modo tale da garantire una reale ripresa del sistema socio-economico. Le famiglie italiane, e naturalmente quelle molisane, devono ritrovare la serenità. E per ottenere questo è indispensabile fornire loro delle sicurezze. La certezza di un lavoro, stabile e retribuito, l’opportunità di garantire ai propri figli un’adeguata formazione per costruire un futuro a propria misura, la creazione di una famiglia e l’aspettativa di prospettive di progresso. Lo scenario che abbiamo sotto gli occhi oggi non consente niente di tutto ciò. Ed è per questo che bisogna dare un colpo di spugna all’attuale sistema, e puntare invece sulla trasparenza e sulla lealtà. La pubblica amministrazione deve render conto a ogni singolo cittadino delle spese effettuate e dei risultati ottenuti con i soldi della collettività. Solo facendo proprio il nobile principio della meritocrazia potremo contrastare sperperi e spese ingiustificate. E il primo passo verso la strada che condurrà a questi obiettivi è il cambiamento della legge elettorale attualmente in vigore. Affinché anche in politica si torni a puntare sui meriti, e non su altro”.

Pubblicato alle ore 8:24:30 

Change privacy settings