Gli elementi raccolti dagli investigatori hanno fatto scattare il provvedimento. Disposta l’autopsia


di Deborah Di Vincenzo

SANTA MARIA DEL MOLISE. Omicidio volontario: con questa ipotesi di reato è stata arrestata e confinata ai domiciliari la moglie di Carlo Giancola, il 72enne di Santa Maria del Molise trovato morto questa mattina nella sua abitazione di via XXV Settembre.

Gli elementi raccolti dagli investigatori hanno consentito di far scattare il provvedimento nei confronti di Irma Forte, 66enne, unica indagata per il delitto.

Intanto la salma del 72enne è stata trasferita presso l’obitorio del Veneziale di Isernia.  È stata disposta l’autopsia ed è atteso nei prossimi giorni il conferimento dell’incarico al medico legale. L’esame servirà a fornire maggiori elementi sulle cause del decesso.

Stando a quanto  ricostruito fino a questo momento l’uomo sarebbe stato colpito più volte alla testa. Forse al culmine di una violenta lite.

Questa mattina l’allarme è stato lanciato dai figli della coppia, che hanno chiesto l’intervento dei carabinieri. Sul posto i militari dall’Arma, guidati dal colonnello Vincenzo Maresca, comandante provinciale.

Da un primo sopralluogo gli investigatori hanno capito che non si trattava di morte naturale, né di un incidente.

L’indagine è stata affidata al pm Marco Gaeta ed è coordinata dal procuratore Carlo Fucci.

La donna dopo essere stata accompagnata presso l’ospedale Veneziale di Isernia, in stato confusionale, è stata dichiarata in arresto e, su disposizione della Procura, è stata accompagnata presso l’abitazione di un familiare, dove si trova agli arresti domiciliari. Seguirà la richiesta di convalida al Gip.

“Le indagini – spiega in una nota il procuratore Fucci – proseguono attraverso l’acquisizione di dichiarazioni di persone informate sui fatti, la valutazione degli elementi rinvenuti sulla scena del delitto e quelli rinvenibili con un ulteriore sopralluogo.
Il procedimento si trova nella fase delle indagini e l’indagata potrà far velare le sue difese
innanzi all’Autorità Giudiziaria”.