Commissario sanità, Mazzuto avverte: “Se Toma può ancora essere nominato è grazie alla Lega”

Valutazione attuale: 1 / 5

Stella attivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

L’assessore regionale rivendica l'azione di difesa del Carroccio verso il govenatore in carica. E sulla sua ‘permanenza’ in Giunta, ove mai dovesse passare la linea di un tecnico esterno per la sanità, si dice tranquillo: “E’ un problema che non ci stiamo ponendo, resta il fatto che noi abbiamo partecipato all’elezione di questo presidente”. La replica a Facciolla: “E’ sfortunato, nessuno può rimuoverlo…”


CAMPOBASSO. Nel giorno in cui si è potuto mettere in sicurezza il percorso necessario e indispensabile ad avanzare al Ministero competente la richiesta di un altro anno di cassintegrazione per i 260 lavoratori della ex Gam, scoppia di nuovo il caso ‘commissario ad acta’, con la conseguente individuazione del capro espiatorio nel referente regionale della Lega, partito politico ‘colpevole’ di non aver difeso le ragioni del presidente Donato Toma al quale potrebbe essere preferito un tecnico.

Insomma, una giornata niente male quella appena trascorsa per l’assessore Luigi Mazzuto, chiamato in causa ieri sera, nel corso dell’assemblea regionale del Pd, dal consigliere Vittorino Facciolla.

L’antefatto è tutto nella mancata nomina del presidente Toma in qualità di commissario ad acta per la Sanità molisana: a Roma i 5 Stelle premono perché non vi siano doppi ruoli e quindi spingono per un esperto ‘terzo’. Una nomina che slitta da quasi sei mesi, con tutte le conseguenze in termini di criticità che ne derivano. Facciolla quindi ieri sera ha forzato la mano: se Toma non sarà commissario ad acta, allora farà bene ad usare il pugno di ferro con i suoi alleati.

E cioè con la Lega, che a Roma è alleata dei 5 Stelle,  ‘principali artefici’ della mancata nomina di Toma,  mentre in Molise è leale alleato di Governo, con la presenza di Mazzuto in Giunta.

Ergo, secondo Facciolla, se Toma non sarà commissario ad acta, la migliore risposta sarà rimuovere Mazzuto dall’Esecutivo regionale.

Change privacy settings