Trasporto pubblico, tagli ancora vigenti e costi a rischio aumento. I sindacati: Niro è troppo ottimista

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Confermata la manifestazione di giovedì 16 maggio davanti al Ministero: il Molise rischia di ‘perdere’ 2 milioni e 800mila euro. Intanto avviata la mobilitazione del settore che coinvolge pesantemente i lavoratori Atm e Sati. La riforma è improcrastinabile, i tempi sono troppo lunghi


CAMPOBASSO. Nessun taglio di 300 milioni sul trasporto pubblico, che in Molise sarebbe costato 2 milioni e 800mila euro in meno in un settore vitale a disastrato. La notizia della marcia indietro del Governo, che comunque non colma la disparità di trattamento adoperata con la regione, non scatena le reazioni positive dei sindacati confederali.

“Nonostante l’accordo dell’ultima ora, i tagli sono ancora vigenti” dicono Pasquale Giglio (Faisa Cisal), Franco Rolandi Filt Cgil), Antonio Vitagliano (Fit Cisl), Carmine Mastropaolo (Uil Trasporti) e Nicola Libertone (Ugl Autoferro) che confermano il presidio organizzato per giovedì 16 maggio davanti alla sede del Ministero dei Trasporti.

“Sinceramente non riusciamo a comprendere come l’assessore Vincenzo Niro, emulando peraltro proclami propagandistici di alcuni rappresentanti delle forze di governo, abbia potuto formalmente affermare che nel 2019, il paventato taglio di 300 milioni di euro al Fondo nazionale per il Trasporto pubblico locale, non ci sarà – scrivono in una nota congiunta -. Al momento infatti, di ufficiale (si fa per dire), vi è soltanto un impegno manifestato nel corso della Conferenza Stato-Regioni”.

Soltanto con l’approvazione della Legge di assestamento del Bilancio - continuano - capiremo se quel taglio devastante sarà confermato o meno. Non è un caso che i sindacati nazionali abbiano organizzato e confermato un presidio di lavoratori del trasporto pubblico locale per giovedì 16 maggio davanti alle sede del Ministero dei trasporti proprio per chiedere l’avvio di un confronto che esamini le diverse ed importanti problematiche che riguardano soprattutto Risorse, Affidamenti e Sicurezza, che stanno impattando negativamente sul settore”.

Decurtare pesantemente le risorse, in Molise, significa di fatto tagliare i servizi.

Change privacy settings