La società milanese a gonfie vele sul mercato borsistico francese, dove è riuscita a quotare la Lanificio Botto, acquisita nell’ottobre 2013 in un’operazione di salvataggio tentata anche per il polo tessile di Pettoranello